SISTRI

Il SISTRI, Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti, nasce con l'idea di attuare una semplificazione del processo di gestione e tracciabilità dei rifiuti (ospedalieri, urbani, speciali e pericolosi) ma il suo avvio è stato più volte rinviato e poi sospeso fino al 30 giugno 2013 per motivi di ordine tecnico e legale, per poi andare in vigore dall'1 ottobre 2013 per chi tratta rifiuti pericolosi, mentre per i produttori di rifiuti, Comuni e imprese campane la partenza prevista è il 3 marzo 2014. Di fondo, il SISTRI ha il duplice obiettivo di semplificare l’iter di certificazione e tracciabilità dei rifiuti e di rendere trasparente il ciclo di distruzione dei rifiuti abbattendo i costi sostenuti dalle imprese del settore, ma nella realtà - tra rinvii, stop e modifiche alla normativa - il SISTRI non hai mai centrato le aspettative.

Segui le novità e gli aggiornamenti sulla normativa, i sistemi alternativi e il pagamento dei contributo SISTRI su PMI.it.

SISTRI rinviato al 2017

Proroga Non trova pace il Sistema per la gestione ed il tracciamento dei rifiuti, meglio noto come SISTRI: con il Milleproroghe (D.L. 20 dicembre 2015, n. 210) approvato dal Consiglio dei Ministri n. 98 del 23 dicembre 2015 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 302/2015, arriva una nuova proroga fino al 2017 per la piena operatività del SISTRI. Il doppio binario fatto di vecchi adempimenti cartacei (formulari, registri e MUD) e SISTRI sarebbe dovuto terminare dal 2016, ma il Milleproroghe prevede ancora un anno di tempo per il pieno adeguamento del Sistema. Il motivo della proroga consiste...

Milleproroghe 2015: i rinvii in Gazzetta

Milleproroghe Sei mesi in più per l'entrata in vigore del processo telematico con firma digitale degli atti e per le norme regionali sui distretti turistici, mentre slittano di un anno, al 31 dicembre 2016, i termini per l'adeguamento al SISTRI e per l’obbligatorietà della tracciabilità di vendite e rese di giornali: sono alcune delle misure contenute nel Milleproroghe 2015, il consueto provvedimento di fine anno con cui il Governo dispone slittamenti di termini di legge precedentemente fissati. Il decreto legge 210/2015 è pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 30 dicembre 2015. Ecco i...

SISTRI: nuovo sistema senza rimborsi

SISTRI Il sistema di tracciabilità SISTRI esteso a tutti i rifiuti e soggetti, semplificato in modo da agevolarne l'utilizzo, ma senza rimborsi per le imprese che hanno versato contributi senza usufruirne a causa dei continui rinvii legislativi: sono le precisazioni sono del Sottosegretario all'Ambiente Silvia Velo in Commissione alla Camera. La Consip, intanto, ha già inviato le lettere per la partecipazione alla procedura di aggiudicazione ristretta. A questo passaggio, «seguiranno gli ulteriori procedimenti amministrativi dettati dal Codice dei contratti pubblici con le specifiche...

SISTRI: aperto il bando per il nuovo sistema

SISTRI Aperto un nuovo bando per la concessione del nuovo SISTRI, il sistema informatico per la tracciabilità dei rifiut pericolosi che non è mai realmente decollato in Italia. La nuova gara è stata indetta da Consip per conto del Ministero dell’Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM), l'obiettivo è di riuscire finalmente a realizzare un sistema moderno ed efficace per contrastare le eco-mafie. La gara, precisa Consip: “Recepisce le indicazioni emerse dalla consultazione pubblica indetta da Consip nello scorso mese di aprile e rivolta alle organizzazioni appartenenti...

Trasporto rifiuti: nuovo regolamento

Trasporto Rifiuti Continuano ad aggiornarsi le regolamentazioni sul trasporto dei rifiuti speciali, con nuovi obblighi per i trasportatori ed un rinnovato regime di controlli sistematici. In particolare sono coinvolti tutti i trasportatori in “conto proprio”, ovvero coloro che realizzano quantità molto limitate di rifiuti e successivamente trasportano gli stessi allo smaltimento senza ricorrere a professionisti terzi. La novità significativa è che mediante la circolare 29 maggio 2015 n. 437 il Comitato nazionale dell'Albo riporta con chiarezza la necessità di iscrizione all’Albo nazionale gestori...

SISTRI: contributo 2015 in scadenza

Contributo annuale SISTRI In scadenza il contributo annuale SISTRI, che va versato entro il 30 aprile, con riferimento all'anno 2015. Sono chiamati al versamento i soggetti obbligati e quelli che aderiscono volontariamente al SISTRI. => SISTRI 2015: scadenze per contributo imprese Versamento SISTRI Per effettuare il versamento è necessario accedere all'applicazione “gestione azienda” del SISTRI dal proprio dispositivo Usb. Un'apposita funzionalità consente agli utenti di determinare l’importo dei pagamenti dovuti, effettuare la comunicazione degli estremi dei pagamenti effettuati e inolrtare i...

Sanzioni SISTRI 2015: conto alla rovescia

SISTRI RIFIUTI Rinviate di due mesi, al primo aprile 2015, le sanzioni SISTRI per la mancata iscrizione o per il mancato versamento del contributo al sistema di tracciabilità dei rifiuti, mentre tutte le altre multe sono rinviate di un anno, e per l'intero 2015 si continua ad applicare il regime transitorio. Gli slittamenti sono inseriti nella legge di conversione del Milleproroghe e per la precisione nell'articolo 9 della legge 11/2015. => SISTRI; doppia registrazione e sanzioni Sanzioni SISTRI Le sanzioni SISTRI prorogate al prossimo 1 aprile 2015 (dal precedente termine del primo febbraio),...

SISTRI: rimborso contributi alle aziende

Rimborsi SISTRI Al via il rimborso da parte dello Stato dei contributi versati dalle imprese della filiera dei rifiuti per l'iscrizione al SISTRI, il sistema di tracciabilità dei rifiuti pericolosi, per gli anni dal 2010 al 2012, tramite restituzione o compensazione sui futuri oneri da versare.. Ad annunciarlo è stato il sottosegretario di Stato all’Ambiente, Silvia Velo, in risposta a una interrogazione parlamentare presentata alla Camera dall’on. Patrizia Terzoni (M5S). Si tratta di contributi indebitamente versati dalle imprese per il SISTRI che negli anni 2010, 2011, 2012 non ha operato. =>...

SISTRI, le sanzioni in vigore

Sanzioni Con il mese di febbraio hanno preso il via le sanzioni per la mancata iscrizione al SISTRI o il mancato versamento del contributo annuale, disposte per i rifiuti pericolosi dall’articolo 260 bis del D.lgs. 152/2006. Sanzioni Questo significa che a partire dal 1° febbraio 2015, essendo terminato il periodo di moratoria per gli operatori obbligati al versamento, in caso di omessa iscrizione e omesso pagamento del contributo annuale nei termini previsti verrà applicata una sanzione amministrativa pecuniaria da 15.500 euro a 93.000 euro. => SISTRI: doppia registrazione e...

SISTRI: doppia registrazione e sanzioni

SISTRI Si avvicina la scadenza per il versamento del contributo SISTRI, il sistema di tracciabilità dei rifiuti, per l'anno 2014, come previsto dal decreto Milleproroghe (decreto-legge 31 dicembre 2014, n. 192) che, però, non ha annullato il doppio binario per la tenuta da parte delle imprese della documentazione SISTRI e dei relativi adempimenti. => Rifiuti imprese: i modelli MUD 2015 Doppio binario Entrambe le documentazioni, infatti, dovranno essere tenute fino al 31 dicembre 2015 sia in modalità cartacea (i classici MUD, formulari e registro carico e scarico) che in modalità...

X
Se vuoi aggiornamenti su SISTRI

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy