Il Green Pass italiano, analogamente alla Certificazione Verde UE, attesta l’avvenuta vaccinazione o guarigione dal Covid-19, oppure l’esito negativo ad tampone molecolare (anche salivare) o antigenico rapido (naso-faringeo). In Italia è obbligatorio in molti ambiti operativi, mentre in Europa ha una valenza di lasciapassare per i viaggi senza quarantena.

Con il Decreto Green Pass n. 172/2021. la Certificazione Verde Covid italiana è stata divisa in due tipologie:

  • il Super Green Pass, o Green Pass rafforzato, per chi è vaccinato o guarito dal Covid-19;
  • il Green Pass semplice o base, per chi effettua il tampone.

Ci sono quindi ora regole differenti a seconda della motivazione che ha portato all’emissione del Green Pass, in termini di durata e validità per l’accesso alle diverse attività.

Per saperne di più e restare aggiornato sulle ultime novità in tema di Green Pass guarda la video guida di PMI.it che spiega in modo pratico:

  • che cos’è il Green Pass;
  • come si ottiene il Green Pass;
  • dove è obbligatorio il Green Pass almeno base e dove viene richiesto il Super Green Pass;
  • qual è la durata della Certificazione Verde;
  • come funziona l’obbligo di Green Pass nei luoghi di lavoro;
  • come scaricare il Green Pass in forma digitale o cartacea;
  • come richiedere il Green Pass se non si hanno strumenti digitali come PC e smartphone;
  • chi è esente dall’obbligo di Green Pass.