L’annuncio clamoroso di Twitter che taglierà 336 posti di lavoro a livello globale, pari all’8% del totale: un piano di ristrutturazione deciso dai vertici del social network per cercare di diminuire gli sprechi e investire nelle aree più redditizie per il gruppo.