“Il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti deve diventare la norma”, ha ribadito il ministro Giuliano Poletti. “Vogliamo che sia il modo normale di assumere la gente nel nostro Paese: sia che facciano una conversione, che facciano un nuovo contratto, che partano da zero”.