Inclusione digitale con TIM

di Redazione PMI.it

scritto il

Insegnare ai cittadini come si apre una PEC o si attiva SPID: questi e altri gli obiettivi del progetto di educazione digitale promosso da TIM.

È stato presentato nel corso dell’EY Capri Digital Summit il nuovo progetto di educazione digitale promosso da TIM, iniziativa che prevede l’attivazione di corsi di formazione su tutto il territorio nazionale coinvolgendo varie strutture locali a beneficio di un milione di cittadini.

Le attività saranno incentrate sulla diffusione di alcune delle pratiche informatiche più utili, dall’apertura della PEC all’attivazione dello SPID.

Come ha annunciato Luigi Gubitosi, Amministratore Delegato di TIM, si tratta di:

un progetto di inclusione digitale e di formazione itinerante nei comuni italiani.

Obiettivo, raggiungere un milione di cittadini, in particolare gli over 50 e chi ha pochi titoli di studio.

=> Invecchiamento: digitale come leva di inclusione

L’iniziativa è aperta a tutti i Comuni e strutture territoriali che vogliano aderire.

Apripista sarà a novembre il Comune di Marsala, tuttavia il progetto punta a coinvolgere 107 Province e soprattutto le località fra 10mila e 60mila abitanti.

Al Summit, il nuovo Ministro dell’Innovazione e della Digitalizzazione, Paola Pisano, ha infatti ricordato:

In Italia abbiamo un grosso problema da affrontare, quello del digital divide: ci sono 10 milioni di cittadini che non usano internet e non accedono alle opportunità del digitale.

Lavoreremo tanto tutti insieme. Puntiamo a fare da collante all’interno dei progetti della Pubblica amministrazione perché l’innovazione non è tema che dobbiamo portare avanti da soli.