Valle d’Aosta: centrale unica per gli interventi di soccorso

di Sabina Pugliese

scritto il

Obiettivo della Valle d'Aosta è quello di creare una centrale unica in grado di gestire le situazioni di soccorso, gestendo contemporaneamente le diverse entità coinvolte

Per riuscire in questo progetto, l’Amministrazione Regionale e l’azienda di sviluppo hanno predisposto un continuo affiancamento tra le risorse umane per garantire la costante collaborazione con gli utenti finali e la familiarità degli stessi verso le speciali strumentazioni messe a disposizione dalle amministrazioni. Grazie, inoltre, alle conoscenze derivate dall’esperienza delle risorse coinvolte e alla collaborazione con l’azienda di sviluppo è stato possibile predisporre un sistema programmato in grado di gestire sia emergenze individuali dei cittadini (ad esempio una chiamata al 118) che macro emergenze, attivando in questo caso l’unità di crisi che coinvolge tutte le unità operative e che opera attraverso canali di collegamento e monitoraggio del territorio per favorire la sorveglianza e la prevenzione dei problemi.

Nonostante la condivisione delle risorse, gli Enti coinvolti nel progetto mantengono le loro peculiarità e i servizi specifici vengono erogati esclusivamente dall’ente preposto: lo scopo del sistema non è quello di unificare vari enti di soccorso, ma grazie alla centrale unica sarà possibile l’abbattimento dei costi di alcuni processi condivisi.

L’obiettivo primario è stato ormai raggiunto, «una struttura in grado di unificare tutte le chiamate dirette ai numeri di soccorso della regione», secondo la descrizione fornita dall’ing. Alberto Giolitti, incaricato dalla Direzione della Protezione Civile della Regione Autonoma della Val d’Aosta, un progetto che è ormai una realtà presso l’aeroporto Corrado Gex di Aosta. Nei prossimi mesi il fornitore delle infrastrutture, Telecom, provvederà a mettere a punto i vari sistemi di telefonia e rete. Completata questa fase, si potranno rendere operativi i servizi in modo progressivo, nell’ordine: Protezione Civile e Soccorso Alpino, Corpo forestale regionale, Vigili del Fuoco e per ultimo il 118.

Oltre a ciò, è naturalmente prevista una formazione degli operatori propedeutica all’utilizzo di tale strumento di controllo, ad oggi unico in Italia. Tale formazione è iniziata già durante lo sviluppo della struttura, proprio per permettere alle figure dei futuri formatori di conoscere a fondo le problematiche complesse che si verranno ad affrontare. Pertanto, anche la scelta logistica è stata fatta in modo da prevedere una forza-lavoro straordinaria in caso di gravi emergenze: la centrale verrà gestita da una sala operativa che mette a disposizione otto postazioni in tempi normali, ma a cui si potranno aggiungere altre dieci in caso di necessità.

I Video di PMI

Servizi online della PA: credenziali di accesso