Spese di rappresentanza

Tutto sulle spese di rappresentanza: cosa sono e come vengono normate dal DM 19/11/2008, in vigore dal 15 Gennaio 2009. Criteri, limiti e deducibilità.

Definizione

Il Decreto stesso fornisce la definizione generale per le spese di rappresentanza: sono tutte quelle spese sostenute e documentate per erogazioni gratuite di beni e servizi, a fini promozionali o di pubbliche relazioni, ragionevoli in funzione dell’obiettivo di generare anche potenzialmente benefici economici per l’impresa ovvero coerenti con pratiche commerciali di settore.

Deducibilità

Per le spese di rappresentanza sono state fissate delle aliquote di deducibilità per l’anno di sostenimento proporzionalmente all’ammontare dei ricavi e dei proventi dell’impresa, di seguito uno schema riepilogativo:

Ricavi/Proventi

Importo massimo deducibile

Fino a € 10 milioni 1,3%
Da oltre € 10 milioni fino a € 50 milioni 0,5%
Oltre € 50 milioni 0,1%
Tutti gli articoli

Deducibilità spese di rappresentanza

Focus sulle spese di rappresentanza aziendali: deducibilità a fini fiscali e nuovi limiti introdotti da gennaio 2016, normativa per professionisti e start-up.

Sito web PA: niente limiti di spesa

Sito web delle aziende pubbliche: costi di gestione senza vincoli di spesa, in quanto attinenti forme di pubblicità obbligatoria a carico di PA e PAL: sentenza della Corte dei Conti.

Deducibilità spese di rappresentanza

E’ pari a 50 euro il limite massimo per la deducibilità dalle imposte sul reddito delle spese di rappresentanza. Il medesimo limite è previsto anche per la detrazione ai fini IVA. E’ proprio il decreto legislativo 21 novembre 2014 n. 175 ad aver creato un maggior coordinamento tra la disciplina delle imposte sul reddito è […]