decreto sviluppo

Il Decreto Sviluppo 2012 è stato approvato dal Consiglio dei Ministri il 15 giugno 2012 ed è entrato in vigore il 26 giugno, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n. 147 (Supplemento Ordinario n.129). Tra le Misure urgenti per la crescita del Paese inserite nel Decreto Legge n. 83/2012, diverse contemplano agevolazioni per le imprese e le famiglie.
Specialmente per le piccole e medie imprese sono previsti strumenti finanziari e minibond, bonus ricerca per assunzioni agevolate, incentivi per l’occupazione giovanile a tempo indeterminato nella green economy, sgravi fiscali per la costruzione di impianti alimentati con energie rinnovabili.
Di rilievo anche le nuove Srl semplificate estese agli over 35, le detrazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie e la riqualificazione energetica, la sospensione del SISTRI e la nascita dell’Agenzia per l’Italia digitale.
Scopri tutte le novità sul Decreto Sviluppo su PMI.it.

Tutti gli articoli

Bonus investimenti per macchinari e beni strumentali

Un credito d’imposta per tutte quelle imprese che effettuano investimenti in macchinari e beni strumentali della categoria 28 della tabella Ateco 2007. E’ quanto prevede il nuovo decreto sviluppo: un’agevolazione pari al 15% delle spese effettuate fino al 30 giugno 2015. Attenzione però: il bonus riguarda solo l’importo che eccede la media dell’ultimo quinquennio (si […]

Appalti: responsabilità solidale viola norme UE

Responsabilità solidale negli appalti Incompatibile con le norme UE: Confindustria e AIDC denunciano la violazione dei principi di proporzionalità, certezza del diritto e parità di trattamento tra stati comunitari.

Agenzia Italia Digitale: ecco lo Statuto

Operativa l’Agenzia per l’Italia Digitale, con la firma dello Statuto: obiettivo, supportare lo sviluppo dell’Agenda Digitale Italiana innovando la PA, le infrastrutture e i servizi tecnologici per cittadini e imprese.

Appalti: responsabilità solidale non solo in Edilizia

La responsabilità solidale di fornitore e appaltatore rispetto al subappaltatore si applica a tutti i contratti di appalto per la fornitura di beni e servizi: l’Agenzia delle Entrate chiarisce i dubbi nei casi particolari e indica gli esenti dal nuovo obbligo.

Contabilità  semplificata e regime dei minimi

Con il Dl 70/2011 (Decreto Sviluppo), convertito dalla legge 106/2011, è stato previsto, per effetto dell'innalzamento delle soglie di ricavi, un ampliamento della platea dei contribuenti che possono accedere al regime contabile semplificato di cui all'articolo 18 del Dpr 600/1973. Regime al quale possono accedere gli ex-minimi, ovvero coloro che dopo la Riforma sono fuoriusciti […]