Credit crunch

Il termine inglese credit crunch, letteralmente stretta creditizia, indica un significativo calo nell’offerta di credito, di solito dopo un prolungato periodo di espansione. Esso può emergere dagli spontanei andamenti dell’economia, o essere provocata dalle autorità monetarie. Una delle principali cause del credit crunch è infatti la difficile congiuntura economica e, in alcuni casi, questo strumento viene adottato degli istituti bancari (intermediari finanziari) per tutelare la propria patrimonializzazione durante questi periodi.

 

Ultime notizie

Credit Crunch: quando si verifica

Ad esempio il credit crunch si verifica “spontaneamente” quando le banche, preoccupate della solvibilità dei clienti a cui prestano i soldi, alzano i tassi di interesse per evitare il rischio di inflazione: in questo modo, a cascata, i singoli istituti di credito aumentano i tassi di interesse ai finanziamenti diretti concessi a privati e imprese, con la conseguenza di una maggiore difficoltà ad ottenere un prestito o un finanziamento.

Ma la stretta creditizia può anche essere “pilotata” dalle Banche centrali, che possono indurre le banche a fare meno prestiti, alzando i tassi di interesse, o aumentando la riserva obbligatoria, ovvero la percentuale dei depositi che non può essere data in prestito deve essere mantenuta presso la Banca centrale, o ancora aumentando il massimale sui crediti, corrispondente alla percentuale massima di cui una banca può aumentare i crediti rispetto all’anno prima.

Credit Crunch: conseguenze

Il credit crunch si traduce in pratica nella eccessiva difficoltà di ottenere credito per colpa di questo innalzamento brusco dei tassi di interesse, delle condizioni del finanziamento e dell’irrigidimento dei criteri di valutazione del merito creditizio.

La conseguenza è una riduzione significativa di liquidità a scapito dei settori produttivi, con un effetto domino sugli investimenti e quindi anche sulla crescita economica, che può portare fino alla recessione.

Su PMI.it tutte le analisi sull’andamento del credit crunch e le iniziative per aiutare le imprese a superare le difficoltà di accesso al credito.

Tutti gli articoli
controlli fisco rimborsi 730

Accesso al credito: un modello di valutazione per le PMI

Un modello di scoring del CRIF prevede di valutare il merito creditizio di una piccola impresa con informazioni non tradizionali, come le bollette o i pagamenti ai clienti, per contrastare il calo di finanziamenti e di investimenti delle imprese.

Credit Crunch

Crisi, banche e PMI: workshop a Milano

“La crisi finanziaria e i suoi impatti su Banche e Imprese”: worshop a Milano il 27 Novembre 2013 organizzato da IFAF e Captha School of Banking & Finance.

Crisi

Confindustria: il costo dello spread sulle imprese

Confindustria, spread 300 punti sopra il livello giustificato dall’economia reale: un eccesso che costa più di 23 mld alle imprese, 144mila posti di lavoro e quasi un punto di PIL: problemi e soluzioni.

Green economy

Green Economy: PMI a rischio credit crunch

Credit crunch: le PMI della green economy soffrono come le altre il problema dell’accesso al credito, un problema che blocca gli investimenti e la crescita del settore.

Recessione

SOS recessione: Passera, pacchetti periodici per le PMI

Allarme sulla situazione economica italiana: il ministro Passera lancia un SOS recessione e sottolinea la necessità di sostengo alle PMI con provvedimenti ogni due tre mesi e focus su credit crunch e pagamenti dalla PA.

Confidi e PMI

Accesso al credito PMI: il baluardo dei Confidi in stallo

Accesso al credito: oltre un terzo delle imprese dell’artigianato si rivolge ai Confidi per ottenere credito. Ma il 2011 fa comunque segnare una flessione, particolarmente dura nell’ultimo trimestre: il rapporto Fedard Confidi, e una proposta di Confartigianato.

credit crunch

Governo e Bankitalia: banche, date più soldi alle imprese!

Monti chiede alle banche di aprire i rubinetti del credito alle imprese, dopo che il governatore di Bankitalia ha lanciato un analogo monito, parlando anche delle Pmi. E in Cina i prestiti alle Pmi aumentano più di quelli alle grandi aziende.

Finanziamenti e prestiti alle Pmi: gli ostacoli

La difficoltà di accesso al credito è ancora il problema numero uno per le piccole e medie aziende italiane. Un circolo vizioso ostacola la ripresa economica del Paese, che passa per le sue Pmi