Banca d’Italia

Donne, lavoro e precarietà: e i figli?

La precarietà sul lavoro per le donne ostacola il diritto alla maternità, ma non la voglia di fare carriera: dopo i primi due anni, la necessità di mantenere i figli stimola il desiderio di realizzazione professionale.

Turismo: mercato in ripresa per gli operatori

Buone notizie da Bankitalia per aziende e operatori turistici: iI primo semestre 2010 ha registrato un saldo positivo di quasi 6 miliardi di euro. Rispetto al 2009 +4.4%, con ottime prospettive per i prossimi mesi

Bankitalia: 2009 nero per fatturato e occupazione

Segno meno per fatturato e tasso di occupazione nel 2009, i dati Bankitalia confermano l’andamento nero dell’anno scorso, con le imprese dell’industria (-11,6%) che vanno peggio di quelle dei servizi (-4,6%)

Basilea 3: Bankitalia, ostacolo per le imprese

Alla XLII Giornata del Credito di Roma si è fatto il punto sul rapporto banca e impresa alla luce dello scenario attuale: le nuove regole di Basilea 3 avranno un forte impatto sulle imprese. Forti, dunque, i dubbi della Banca d’Italia

Bankitalia: e-Commerce? Banche, esempio per le imprese

Solo un impresa su dieci vende beni e servizi online, soprattutto a causa della mancanza di controparti e della poca certezza sull’affidabilità. Solo le banche trainano il settore, fornendo servizi on-line nel 90% dei casi

Bankitalia, al via i conti di pagamento mobili e web

Approvato il nuovo decreto che permetterà a supermercati e gestori di telefonia mobile di adempiere a vari tipi di servizi di pagamento e proporre ai propri clienti offerte abbinate a un conto di pagamento

Basilea 2: da oggi nuove regole

Proroga per l’entrata in vigore di Basile2: tempo fino al 2012 per adeguarsi ai più severi requisiti sui capitali richiesti alle banche

Basilea 2 e crisi del credito

L’impatto di Basilea 2 sul rapporto banca-impresa alla luce della crisi finanziaria: tesi a confronto al convegno ABI

Bankitalia: le imprese italiane sono pessimiste

Secondo recenti indagini di Bankitalia le imprese italiane sono pessimiste sulle aspettative di inflazione e crescita: il 66,3% prevede un peggioramento delle proprie condizioni operative