Aumento IVA

L’Aumento dell’IVA al 22% è scattato il primo ottobre 2013 e potrebbe scattare ancora dal 2019. L’Esecutivo non è riuscito ad abolire la gravosa scadenza istituita dal Governo Monti per far rientrare l’Italia nei parametri di deficit stabiliti dall’Unione Europea, e da allora il Governo ripropone la misura prevista dal 2015, ma con slittamento di un anno. L’aumento percentuale dell’aliquota IVA è uno dei provvedimenti volti a recuperare risorse finanziarie necessarie a rientrare nel 3% del rapporto Deficit / PIL stabilito dalla UE.

C’è tuttavia chi, tra economisti, studiosi e addetti ai lavori, valuta la misura antieconomica e non utile alle finalità per cui è stata creata. Questo, per effetto della contrazione dei consumi generata dall’immediato aumento del prezzo finale di beni e servizi. Tutte le novità, i commenti ed i provvedimenti sull’Aumento IVA.

Tutti gli articoli

Manovra 2019, le modifiche dopo l’accordo UE

Web tax per imprese digitali, rivalutazione parziale pensioni, reddito di cittadinanza e quota 100 da aprile, clausole di salvaguardia con aumento IVA più cospicui: manovra 2019 al rush finale.

Deficit al 2,4%: cosa cambia in Legge di Bilancio

Approvata in CdM la nota di aggiornamento al Def, con una previsione di deficit che sfida mercati e rapporti con la UE: Legge di Bilancio 2019 con reddito di cittadinanza, pensione anticipata, flat tax Partite IVA e taglio IRES.

Tria: le sette camicie da sudare sulla legge di bilancio

Dallo “sfioramento” del deficit alla flat tax passando per il reddito di cittadinanza: ecco i fronti caldi per il ministro dell’Economia, fra costosi ologrammi di provvedimenti-bandiera e vincoli da tenere ben saldi.

Riforma Fiscale: le misure in programma

La Riforma Fiscale del governo Conte partirà con la pace fiscale, maxi rottamazione delle cartelle esattoriali, per poi passare alla flat tax e al reddito di cittadinanza: misure in programma e step di attuazione.