A scuola di innovazione (3)

di Stefano Pierini

scritto il

I progetti premiati nelle categorie "Oggetti a sostegno della didattica per i diversamente abili" e "Oggetti per la sensibilizzazione su tematiche sociali, interculturali, ambientali, pari opportunità e di attualità".

Nuove Tecnologie e DSA

Un progetto semplice ma efficacissimo: valorizzare l’immenso patrimonio multimediale presente in rete e sistematizzarlo in funzione del problema che la scuola si era posto: aiutare i bambini dislessici nelle loro fatiche scolastiche per favorire l’apprendimento del linguaggio scritto.

La responsabile del progetto, Pulvirenti Antonella, insegnante della scuola primaria del 3 circolo di Sanremo, ha catalogato e documentato 50 diversi software gratuiti in funzione delle specifiche difficoltà dell’alunno (percezione visiva, fonologica, sviluppo di concetti spazio/temporali…) ben sapendo che ogni bambino ha un suo peculiare problema, sintesi di una sua inimitabile identità e percezione di quello che accade intorno a lui.

Peraltro la dislessia in tutte le sue più ampie accezioni (disgrafia, discalculia, disortografia, etc.) interessa circa il 5% della popolazione scolastica italiana. Tale impatto numerico e la necessità di interventi integrati e con professionalità ben formate hanno determinato la recente nascita di una specifica legge dello Stato per aiutare sia i giovani che le famiglie.

L’esperienza della docente è determinante per dare valore all’utilizzo dello strumento, che ha bisogno di un lavoro in equipe con personale sanitario, al fine di aumentare l’autostima del ragazzo. Il progetto è stata segnalato dall’AID (Associazione Italiana Dislessia) ed ha ricevuto la sua approvazione. Per un più efficace utilizzo è consigliato l’ascolto iniziale del videotutorial che illustra le modalità per il suo miglior uso.