E-gov nel nuovo Piano Industriale dell’innovazione

di Manuela De Antonis

scritto il

Presentato lo scorso 4 novembre a Roma il Piano industriale per l'innovazione del Governo durante un convegno promosso dal Ministero per la Pubblica Amministrazione e Innovazione, Forum PA e Microsoft

Quest’ultimo progetto è stato avviato con la firma del 20 ottobre scorso del protocollo d’intesa tra il Ministro Brunetta e il Rettore dell’Università “La Sapienza”. L’iniziativa ha come obiettivo quello di accelerare il processo di semplificazione amministrativa e della razionalizzazione dei servizi per gli studenti, i docenti, il personale tecnico e amministrativo, eliminando così progressivamente “la carta”.

Sarà, ad esempio, possibile per i docenti verbalizzare gli esami via Web, anche attraverso l’introduzione della firma digitale; per gli studenti fruire di servizi online direttamente dal computer di casa e interagire con l’ateneo attraverso la propria casella di posta certificata senza dover mai recarsi agli sportelli; per il personale tecnico-amministrativo, snellire e velocizzare il flusso documentale all’interno dell’ateneo, ma anche con le altre università, il MIUR e le altre amministrazioni pubbliche.

L’intesa prevede la diffusione capillare di Internet, anche attraverso reti senza fili, in tutta l’area dell’ateneo e renderà disponibile per il personale e gli studenti servizi di telefonia VoIP, sia in modalità fissa che mobile. L’Università opererà, inoltre, come ponte per la diffusione della banda larga sul territorio limitrofo, attraverso l’utilizzo di tecnologie wireless di nuova generazione. I tempi di realizzazione del progetto sono stati calcolati in 18 mesi dall’avvio operativo con un costo di 750mila euro ripartito tra il Dipartimento per l’Innovazione e le Tecnologie e l’Università La Sapienza. Infine, tutte le soluzioni realizzate e sperimentate nell’ambito del progetto saranno caratterizzare da elevata replicabilità in modo da essere facilmente riproducibili in altri contesti universitari.

I Video di PMI

Sanzioni per omessa Certificazione Unica