Polis, il Comune virtuale del Lazio

di Alessandra Poggiani

scritto il

Da Regione Lazio e LAit arriva Polis, una piattaforma con la quale tutti gli Enti del territorio potranno comunicare con i cittadini ed erogare servizi online

Com’è strutturato Polis

Concettualmente il progetto Polis può esser scomposto in diversi moduli che, tuttavia, dal punto di vista tecnico, utilizzeranno un’infrastruttura comune di tipo open source. In particolare, verranno messe a disposizione degli enti aderenti tre macro-funzionalità:

1) Piattaforma Polis: rappresenterà l’infrastruttura di supporto per l’erogazione ai cittadini di servizi online. In linea con le direttive indicate nei piani di e-government verranno realizzati servizi secondo i livelli 1,2,3 e 4 di interattività. I quattro livelli (informativo, download di modulistica, inoltro richiesta, esecuzione transazione) sono incrementali, ossia il secondo comprende il contenuto informativo del primo e così via. La piattaforma di erogazione consentirà in particolare la possibilità di erogare servizi, anche di livello 3 e 4, pur in contesti tecnologicamente deboli caratterizzati dall’assenza o dall’inadeguatezza di sistemi informativi proprietari con cui interfacciarsi.

2) Sito istituzionale: tramite il framework di portale, ogni ente aderente avrà la possibilità di creare e personalizzare un proprio portale istituzionale sul quale esporre i propri servizi informativi e transattivi. Il portale sarà inoltre pienamente rispondente ai requisiti di accessibilità ed usabilità previsti dall’attuale normativa che disciplina la comunicazione online delle PA (in modo particolare il riferimento è alla legge 04/2004).

Per la gestione dei contenuti sarà messo a disposizione di ogni singolo ente un avanzato sistema di CMS utilizzabile via web, che permetterà la gestione efficace di un workflow di creazione e pubblicazione dei contenuti, con la definizione di ruoli e privilegi diversificati. Questa parte del progetto prevede inoltre la creazione di un repository centralizzato delle informazioni, con una struttura dei dati predisposta per permettere, in prospettiva, l’erogazione dei contenuti inseriti dagli enti aderenti in modalità multicanale.

3) Portale Polis (regionale): i servizi erogati tramite la piattaforma Polis saranno fruibili, oltre che sul sito dell’ente aderente, anche su un portale appositamente realizzato per creare un unico punto d’accesso, concepito e strutturato per semplificare e razionalizzare la fruizione di tutti i servizi disponibili online, anche se erogati da altri soggetti (in primo luogo dalla Regione Lazio).

LAit, attraverso una valutazione approfondita tesa a verificare le esigenze espresse dal territorio, individuerà quei servizi che possano realmente servire da volano per la diffusione dell’e-government all’interno delle amministrazioni coinvolte e tra la loro utenza di riferimento. Tra i primi servizi che la piattaforma Polis erogherà spiccano: richiesta di carta d?identità, cambio di residenza, iscrizioni e pagamento tasse scolastiche, richiesta accesso a ZTL, compilazione online dei moduli di autocertificazione.

I Video di PMI

Servizi online della PA: credenziali di accesso