Peschiera Borromeo sceglie il wireless

di Aldo Lupi

scritto il

La tecnologia hiperlan ha risolto i problemi del Comune milanese di Peschiera Borromeo, collegando le sedi periferiche in modo più efficace ed efficiente. Vediamo come

I risultati: più efficienza a costi inferiori

Sono passati alcuni mesi dalla realizzazione della struttura wireless. I valori effettivi di traffico dati misurati hanno dato risultati più che soddisfacenti, con misure di throughput che vanno dai 20 ai 25 Mbit/sec, a seconda delle condizioni meteorologiche. Si può effettivamente parlare di unificazione virtuale delle sedi, i cui risultati cominciano a sentirsi, sia in termini di costi che di gestione operativa.

Adesso tutte le sedi sono virtualmente interconnesse, per cui non sono stati rinnovate le linee datawan e la linea ADSL della Biblioteca. È stata ampliata la banda di accesso a internet della sede principale, che adesso deve soddisfare anche le necessità delle sedi secondarie. Inoltre negli edifici periferici sono stati tolti i firewall e i router, con ulteriore riduzione delle spese di manutenzione degli apparati. Il costo attuale del traffico internet è di circa 200 euro mensili (i valori non sono comunque confrontabili con i costi precedenti, visto l’andamento verso il basso del costo di banda internet, ma è comunque rilevante l’eliminazione della tecnologia datawan).

Presso la sede della Biblioteca è stato tolto il file server (che è stato portato presso la sede municipale e “riconvertito” per altre attività) e adesso i dati sono salvati tutti presso la sede centrale, con riduzione dei costi dei sistemi di backup e dei relativi costi di monitoraggio da parte del personale. Anche il server interno di posta adesso è accessibile dalle sedi periferiche direttamente tramite la connessione wireless, con aumento di sicurezza e di prestazioni.

L’accesso agli applicativi comunali è decisamente più agevole e performante. Precedentemente, il personale delle sedi staccate si connetteva ai sistemi centrali tramite servizi terminal, unica soluzione accettabile attraverso le VPN, che però comportavano da parte del CED costi di mantenimento della struttura, degli aggiornamenti e del server dedicato al servizio. Adesso il personale periferico è virtualmente connesso ai sistemi centrali alla stessa stregua dei propri colleghi operanti presso la sede principale, per cui i servizi terminal non sono più necessari. Questo ha permesso il riutilizzo del server dedicato e una maggiore uniformità nella configurazione delle postazioni di lavoro, con un impegno minore da parte del personale del CED.

Infine, la banda a disposizione consente al personale CED di intervenire sulle postazioni delle sedi staccate attraverso strumenti di desktop remoto come VNC. Questo permette di risolvere la maggior parte degli interventi manutentivi alle postazioni da remoto, senza dover intervenire sul posto, con minore perdita di tempo per spostamenti.

Il costo per la realizzazione dell’infrastruttura wireless è stato di circa 23.000 euro più IVA. Se si facesse un mero calcolo relativo al risparmio per il traffico internet la soluzione si ripagherebbe in meno di 3 anni, tuttavia, visti i benefici indiretti dovuti a una migliore operatività del personale, ad un più efficiente impiego delle risorse hardware e software e alla maggiore robustezza del sistema, i benefici della scelta progettuale del Comune di Peschiera Borromeo pareggeranno i maggiori costi in molto meno tempo.

Aldo Lupi lavora come consulente ICT per Enti locali. Si occupa di gestione e coordinamento dei sistemi informatici. È specializzato nello sviluppo e la realizzazione di progetti ad alta innovazione tecnologica. Collabora con il Gruppo Si.Net Informatica.

I Video di PMI

Risorse utili per le PMI: parliamo di Slideshare