Tratto dallo speciale:

INPS: interessi legali su contributi omessi, pensioni e TFR

di Redazione PMI.it

scritto il

Nuovo saggio di interessi legali dal primo gennaio 2020: effetti sui debiti contributivi e sulle prestazioni pensionistiche e previdenziali.

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 293 del 14 dicembre scorso è stato pubblicato il DM 12 dicembre 2019 dell’Economia (Allegato n. 1) con cui, a decorrere dal primo gennaio 2020, è stato fissata a 0,05% il saggio degli interessi legali.

L’INPS – con la Circolare n. 2/2020 – analizza pertanto gli effetti sul calcolo delle somme aggiuntive per omesso o ritardato versamento dei contributi previdenziali e assistenziali.

In particolare, si ricorda che la riduzione delle sanzioni civili alla misura prevista per gli interessi legali si applica solo previo pagamento dei contributi dovuti, con scadenza di pagamento a partire dal 1° gennaio 2020.

Per i debiti pendenti a tale data, gli interessi saranno calcolati secondo i tassi vigenti alle rispettive decorrenze (Allegato n. 2).

=> Pensioni: come riscattare contributi prescritti per un vitalizio

In merito agli interessi legali relativi alle prestazioni pensionistiche e previdenziali, invece, si chiarisce che il nuovo saggio di interessi legali si applica alle somme poste in pagamento a decorrere dal 1° gennaio 2020 e a pensioni, TFR e TFS messe in pagamento dalla stessa data.

I Video di PMI

Consultazione dei sussidi di disoccupazione INPS