Spending review: lista dei tagli

di Andrea Barbieri Carones

scritto il

Ecco le principali voci contenute nel decreto legge "spending review" sottoposto all'esame del Consiglio dei ministri.

Secondo l’obiettivo del governo, la spending review consentirà allo Stato italiano – e quindi ai cittadini – di risparmiare fino a 10 miliardi di euro ogni anno e contribuire quindi al pareggio di bilancio.

Ecco, in sintesi, le misure finali previste dall’esecutivo, che sarà sottoposta alla verifica da parte del Consiglio di ministri e del suo presidente Mario Monti.

  • dal 1° gennaio 2013 fino al 31 dicembre 2014 sarà bloccato lo stipendio dei dipendenti delle aziende pubbliche, che non potranno percepire più di quanto guadagnato nel corso del 2011.
  • fino a fine 2015 dovranno essere sospesi tutti i concorsi per accedere alla fascia dirigenziale di primo livello.
  • nella pubblica amministrazione le nuove assunzioni saranno gradualmente ridotte con le seguenti modalità: da oggi fino alla fine del 2014, le cosiddette “facoltà assunzionali” saranno ridotte del 20% fino a salire al 50% nel 2015 e al 100% nel 2016. I dirigenti saranno ridotti del 20% mentre gli altri dipendenti del 10%.
  • da gennaio 2013 i permessi sindacali saranno ridotti del 10%.
  • gli uffici pubblici dovranno rispettare la chiusura nella settimana di Ferragosto e in quella tra Natale e Capodanno, mentre gli statali saranno messi in ferie.
  • le cosiddette ferie, i riposi e i permessi non goduti da parte di dipendenti statali non saranno retribuiti anche se il rapporto di lavoro cessa per mobilità, dimissioni o pensionamento. In caso contrario, il dirigente responsabile subirà un’azione disciplinare e amministrativa e il denaro versato all’ex dipendente dovrà essere restituito.
  • le province italiane saranno ridotte di numero ei vi saranno degli accorpamenti. Saranno cancellate di sicuro quelle delle 10 città metropolitane.
  • i canoni di affitto degli immobili delle amministrazioni pubbliche non subiranno gli adeguamenti Istat. I contratti di affitto in scadenza il 1° gennaio prossimo potranno essere rinnovati solo con un risparmio del 15%.
  • lo Stato potrà utilizzare a titolo gratuito i beni di proprietà degli enti territoriali. Anche questi ultimi potranno fare lo stesso con i beni statali.
  • blocco delle tariffe fino al 31 dicembre 2013.
  • riduzione dei compensi pagati ai Caf: tale compenso scende a 13 euro per ciascuna dichiarazione elaborata e trasmessa e a 24 euro per quelle in forma congiunta. Riduzione del 10% dei trasferimenti a favore dei patronati.
  • dal 2013, la spesa per le auto blu dovrà essere almeno dimezzata rispetto al 2011.
  • dal 2013 saranno diminuiti di 30 milioni di euro i contributi a favore di radio e televisioni locali.
  • le spese per il funzionamento della Presidenza del Consiglio dovranno diminuire di 15 milioni di euro a partire dal prossimo anno.
  • i posti letto negli ospedali italiani scenderanno di 30mila unità: da un attuale rapporto di 4,2 posti ogni 1000 abitanti si passerà a 3,7.
  • dal 2013 il fondo per il finanziamento ordinario delle università sarà ridotto di 200 milioni.
  • dal 1° ottobre prossimo, i buoni pasto statali non potranno superare i 7 euro.
  • nel 2012, i trasferimenti Stato-regioni scenderanno di 700 milioni di euro; dal 2013 si passerà a 1 miliardo di euro.
  • il fondo sanitario regionale verrà tagliato di 1 miliardo di euro nel 2012 e di 2 milairdi nel 2013.
  • nel 2012, l’Iva non aumenterà mentre dal 2013, il suo incremento sarà ridotto.
  • ancora tagli nella Sanità: ci sarà un taglio del 5% per l’acquisto di beni o di servizi. Il settore dovrà provvedere a risparmi graduali: 1 miliardo di euro per quest’anno, 2 miliardi di euro nel 2013 e altri 2 miliardi nel 2014.
  • ai 65mila esodati sotto tutela, se ne agigungeranno altri 55mila.
  •  le scuole non statali riceveranno fondi per 200 milioni di euro.
  • i dipendenti delle forze di polizia di età inferiore a 32 anni dovranno essere utilizzati a servizi operativi.L’organico delle forze armate sarà tagliato di almeno il 10%. Tagliate di almeno 100 milioni di euro le spese per le forniture militari.
  • il Cnr, l’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn) e l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) saranno riorganizzati in ottica di risparmio.
  • il fondo per le vittime dell’uranio impoverito passa da 21 a 9 milioni di euro.
  • i commissari liquidatori di enti pubblici potranno rimanere in carica al massimo per 5 anni.
  • “A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto l’ulteriore sconto dovuto dalla farmacie convenzionate è rideterminato al valore del 3,65%. Limitatamente al periodo decorrente dalla data di entrata in vigore del presente decreto fino al 31 dicembre 2012, l’importo che le aziende farmaceutiche devono corrispondere alle Regioni è rideterminato al valore del 6,5&. Per l’anno 2012 l’onere a carico del Servizio sanitario nazionale per l’assistenza farmaceutica territoriale è rideterminato nella misura del 13,1%”.

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari