Sconti per chi compra: addio ai bonus 2017

di Noemi Ricci

scritto il

Le agevolazioni fiscali sugli immobili in scadenza nel 2017: addio agli sconti per chi acquista.

Sono numerosi i bonus fiscali sulla casa disposti dal Governo italiano negli ultimi anni, alcune agevolazioni sono tuttavia in via di scadenza a fine 2017, alcune spariranno del tutto, altre verranno rimodulate.

Ad esempio dal 1° gennaio 2018 spariranno gli sconti per chi acquista e poi affitta immobili a canone concordato: la deduzione dal reddito IRPEF è attualmente pari al 20% (art. 21 del D.L. n. 133/2014, con istruzioni nel DM 8 settembre 2015, in Gazzetta Ufficiale n. 282/2015), in caso di acquistocostruzione o ristrutturazione di unità immobiliari da destinare alla locazione. Possono essere portati in deduzione, sempre al 20%, anche gli interessi passivi sui mutui stipulati per l’acquisto delle stesse unità immobiliari.

=> Deduzione affitto immobili in locazione

Ricordiamo che l’aliquota agevolata della cedolare secca in caso di contratti a canone concordato passerà con il nuovo anno dal 10% al 15%.

Con la fine del 2017 verrà inoltre meno anche la possibilità di detrarre in dieci anni dall’IRPEF il 50% dell’IVA pagata per acquisti di case dal costruttore. Qui è prevedibile una proroga della misura, vista la sua importanza nel dare una spinta al mercato immobiliare e ad aiutare le imprese costruttrici a smaltire l’invenduto.

=> Scaglioni IRPEF e Bonus Ristrutturazioni

Il 31 dicembre 2017 il bonus ristrutturazioni, a meno di nuove proroghe, smetterà di essere al 50% e la detrazione fiscale scenderà al 36% su una spesa massima di 48mila euro (invece di 96.000). Stessa sorte per l’Ecobonus: per gli interventi di riqualificazione energetica la detrazione al 65% non sarà più applicabile e ai lavori finalizzati all’efficienza energetica verrà applicata una nuova agevolazione con uno sconto fiscale al 36%.

I Video di PMI

Il know-how nel regime del Patent Box