Detrazione spese mediche coniuge a carico: chi paga?

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Alberto chiede

Se la detrazione delle spese medico-sanitarie spetta al contribuente che ha effettivamente sostenuto l’onere, cosa succede per i familiari a carico, ad esempio il coniuge? Non può più pagare da sé le proprie spese? Potrebbe invece farlo con carte che si appoggiano su un conto cointestato? O il pagamento deve necessariamente essere fatto da chi poi detrae le spese?

Barbara Weisz risponde

La detrazione spese mediche viene di norma applicata al contribuente che ha fornito il codice fiscale al farmacista o al medico. Si tratta, fra l’altro, di spese che finiscono direttamente nella dichiarazione precompilata, proprio perché vengono registrate all’origine, ovvero al momento del pagamento.

Se vengono sostenute dal familiare o dal coniuge a carico, finiranno nella dichiarazione del contribuente che si assume l’onere fiscale.

=> Pagamenti tracciabili per le spese sanitarie dal 2020: eccezioni e casi particolari

Il punto fondamentale, ci tengo a sottolinearlo, non è il fatto che il conto sia o meno cointestato, o in generale lo strumento di pagamento. Il documento che riconduce la spesa al contribuente con diritto alla detrazione, è il codice fiscale che viene dato al farmacista. Fra l’altro, nelle ricette del servizio pubblico nazionale, il codice fiscale è già presente nella ricetta, per cui la detrazione spetta al contribuente intestatario della stessa.