Turismo: ristori per nuove attività 2020

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Carmine chiede

Se ho capito bene, chi come me ad agosto 2020 ha preso in gestione un piccolo hotel non può beneficiare dei ristori?

Barbara Weisz risponde

In realtà, i contributi a fondo perduto previsti dai decreti Ristori spettano (nel caso degli albergatori) a coloro che aveva già aperto partita IVA al 25 ottobre 2020. Lei ha rilevato l’attività ad agosto, quindi rientra nella platea dei beneficiari. In più, non deve neanche rispettare il requisito della perdita di fatturato sul 2019 essendo.

Per il calcolo del contributo a cui ha diritto, deve applicare la percentuale prevista dal Ristori Bis al contributo minimo, che è di mille euro per le persone fisiche e di 2mila euro per le imprese. Nel caso degli alberghi, il coefficiente varia a seconda che l’attività si trovi in zona gialla (150%) oppure in zona rossa o arancione (200%).

Quindi, ipotizzando che lei eserciti l’attività sotto forma di impresa, se il suo albergo si trova in zona gialla avrà diritto a un contributo di 3mila euro, se si trova in zona rossa o arancione di 4mila euro.

=> Zone Covid: ecco la mappa delle regioni

Attenzione: la domanda va presentata entro il prossimo 15 gennaio. Trova tutte le istruzioni sul portale dedicato ai contributi a fondo perduto dell’Agenzia delle Entrate. I riferimenti normativi sono l’articolo 2, comma 2 del decreto Ristori bis (dl 149/2020), e l’articolo 2, comma 9, del dl 137/2020 (il primo decreto Ristori).