Tasso di sostituzione pensione

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

H. chiede

Andando in pensione anticipata ho una penalizzazione? Il tasso di sostituzione che cosa è? Se vengo licenziato prima, eventuali ammortizzatori vanno ad incidere sulla mia pensione?

Barbara Weisz risponde

La pensione anticipata è accessibile solo in presenza di un determinato numero di contributi (nel 2018, 42 anni e 10 mesi per gli uomini, 41 anni e dieci mesi per le donne, dal 2019 si aggiungono in entrambi i casi altri cinque mesi). Se un lavoratore opta per la pensione rispetto a quella di vecchiaia percepirà in effetti un importo inferiore, non perché cambia il meccanismo di calcolo ma perché avrà un montante contributivo più basso sul quale calcolare l’entità dell’assegno.

Viceversa, se un lavoratore matura il diritto alla pensione di vecchiaia senza aver versato i contributi necessari per la pensione anticipata (ad esempio, se nel 2018 raggiunge l’età pensionabile ma ha meno di 42 anni e dieci mesi di contributi), percepirà una pensione più bassa di un collega che invece è andata in pensione anticipata.

Il tasso di sostituzione è il rapporto fra la prima pensione e l’ultimo stipendio, misurando quindi il potere d’acquisto del pensionato.

Gli ammortizzatori sociali prevedono il versamento dei contributi figurativi, quindi non comportano una riduzione della pensione. Ci possono essere però casi in cui particolari trattamenti pensionistici prevedano il calcolo solo in base ai contributi versati.