Superbonus edifici plurifamiliari al 2023: quali requisiti di accesso?

Risposta di Barbara Weisz

scritto il

Fabrizio chiede:

Ho comprato cinque stalle da ristrutturare con il Super Sismabonus ma non riuscirò a rispettare il 30% dei lavori entro il 30 giugno. Essendo tutte confinanti e con muri comuni, possono essere considerate un “edificio plurifamiliare” complessivamente inteso e quindi accedere alle scadenze di fine 2023 senza la condizione del 30%?

La questione da dirimere è semmai la destinazione d’uso. Il Superbonus si applica solo agli immobili residenziali, mentre nel suo caso si parla di immobili strumentali all’attività d’impresa. Se invece i lavori che intende effettuare prevedono anche il cambio di destinazione d’uso, trasformando le stalle in unità abitative, allora può applicare la detrazione al 110%.

Con cinque unità, gli immobili non possono neppure rientrare nel concetto di edifici plurifamiliari, che devono al massimo essere formati da quattro unità (da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate).

Con cinque unità distintamente accatastate si può al massimo formare un condominio minimo, indipendentemente dal fatto che la proprietà sia unica o meno. Ma non si può certo associare tale concetto al suo caso, almeno secondo l’attuale destinazione d’uso, perchè la ratio della norma è quella di incentivare la riqualificazione degli immobili ad uso abitativo o delle loro pertinenze.

Se dunque la destinazione d’uso non cambia, e quindi i fabbricati restano non residenziali, non si può in ogni caso applicare il Superbonus.

 

Risposta di Barbara Weisz

Hai una domanda che vorresti fare ai nostri esperti?

Cerca tra quelle pubblicate oppure

Chiedi all'esperto