Riscatto pensione o previdenziale?

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Maria Enrica chiede

Avrei bisogno di capire la differenza tra riscatto ai fini pensionistici e riscatto ai fini previdenziali: è giusto pagare entrambe?

Barbara Weisz risponde

Il riscatto ai fini pensionistici (o previdenziali che dir si voglia) serve a valorizzare periodi scoperti da contribuzione che ricadono in determinate fattispecie (ad esempio, gli anni di università per chi si è laureato, oppure il periodo di servizio militare). A titolo esemplificativo, le elenco le principali tipologie di contributi da riscatto:

  • laurea: si possono riscattare gli anni previsti dal corso di laurea (non quelli fuori corso). Sono comprese anche le lauree brevi e i titoli di studio equiparati;
  • lavoro all’estero in paesi non convenzionati;
  • astensione facoltativa di maternità;
  • periodi non coperti da contribuzione per omissione del datore di lavoro;
  • periodi non lavorati successivi al 31 dicembre 1996, e non coperti da contribuzione figurativi, solo in presenza di determinati requisiti di legge;
  • periodi di lavori socialmente utili.

Ma ci sono altri casi in cui è possibile pagare i contributi da riscatto: le consiglio di rivolgersi al suo istituto previdenziale per fugare i suoi dubbi in merito alle trattenute applicate.