Risarcimento per contributi in prescrizione

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Susanna chiede

Da un estratto conto contributivo, ho appurato la mancanza di 6 settimane nel periodo corrispondente ad otto mesi dopo la nascita di mio figlio. Essendo passati ormai dieci anni, la mia azienda ritiene di non essere tenuta a conservare tale documentazione né io possiedo più i vecchi cedolini paga. Essendo il rapporto lavorativo ancora in essere, c’è qualcosa che si può fare per riavere quei contributi?

Barbara Weisz risponde
I contributi vanno in prescrizione dopo cinque anni, indipendentemente dal fatto che il rapporto di lavoro sia ancora in essere. L'unica possibilità è quella di presentare una richiesta all'INPS o al datore di lavoro entro i cinque anni, così da interrompere i termini di prescrizione, che in questo caso diventa decennale. Se non ha mai chiesto i contributi omessi nei cinque anni seguenti, in effetti è scattata la prescrizione.

=> Contributi INPS omessi: validità della prescrizione

Diverso sarebbe il caso in cui il datore di lavoro avesse continuato a non versare i contributi. La sussistenza del rapporto di lavoro, in questo caso, sarebbe stato rilevante, perché l'infrazione in essere sarebbe denunciabile e sanabile.Il riferimento normativo è la legge 335/1995 (articolo 3, comma 9).

=> Contributi omessi, tutte le sanzioni

Anche se sono scaduti i termini di prescrizione, lei può comunque denunciare l'omesso versamento. Non servirà a riavere i contributi mancanti ma può chiedere un risarcimento del danno all'azienda, in base all'articolo 2116 del codice civile.