Rientro da zona rossa: da segnalare ancora?

Risposta di Barbara Weisz

scritto il

andrea chiede:

Sono stato in vacanza in zona rossa prima che tutta Italia lo diventasse. Tornato a casa mi è venuto il dubbio se  stare in quarantena e comunicarlo alla ditta: dovrei tornare al lavoro lunedì 16 marzo.

In effetti, il suo dubbio è ragionevole. Credo lei debba mettersi in quarantena.

Consulti le disposizioni prese nella Regione in cui risiede: molte (tutte quelle del Sud, Isole e anche alcune del Centro Italia,come Lazio e Toscana) che hanno disposto esplicitamente l’obbligo di quarantena nel caso ci si fosse trovati in zona rossa nei 14 giorni precedenti l’ingresso nel territorio.

=> Coronavirus: le nuove regole su lavoro, spostamenti, merci e chiusure

Consulti in ogni caso il medico di base, che senz’altro saprà darle le indicazioni precise. E che in ogni caso va avvisato per far partire tutte le comunicazioni alle diverse autorità. Può anche utilizzare uno dei numeri verdi preposti allo scopo (a livello nazionale o regionale).

In alternativa al medico di base, infatti, è possibile chiamare i numeri verdi che tutte le regioni hanno predisposto per rispondere alle informazioni. L’elenco è pubblicato sul portale del ministero della salute.

Importante: in tutti i casi in cui ci sono dubbi come quello da lei sollevato, l’indicazione delle autorità è quella di NON recarsi al pronto soccorso. Non bisogna nemmeno andare fisicamente dal proprio medico, la prima cosa da fare è telefonare.

In caso di quarantena, senz’altro dovrà effettuare la comunicazione all’azienda. Le strutture sanitarie sapranno darle tutte le indicazioni del caso.

Hai una domanda che vorresti fare ai nostri esperti?

Chiedi all'esperto

Risposta di Barbara Weisz