RDC con ISEE corrente, quale reddito e scadenze?

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Francesco chiede

Il 9 Marzo 2021 mi é stato attestato dall’INPS l’ISEE corrente, che però si basa ancora sui redditi del 2019, così come faceva il vecchio ISEE ordinario. Avendo avuto un calo di reddito nel 2020 di oltre il 25%, avevo richiesto l’aggiornamento ISEE per far ricalcolare l’importo RDC in base alla nuova situazione economica. Invece l’INPS ha tenuto conto del vecchio reddito, ed anche su mia richiesta di chiarimento mi ha ribadito tale calcolo. Forse dovevo inviare l’SEE corrente entro fine febbraio in modo che potessero includere il nuovo importo con la ricarica di Marzo?

Barbara Weisz risponde

L’ISEE corrente serve a certificare un rilevante cambiamento della situazione economica (il requisito per chiederlo, è ad esempioun calo di reddito pari almeno al 25%), che consente fra le altre cose il ricalcolo del reddito di cittadinanza già nel mese successivo, quindi se l’ISEE corrente è riferito a marzo l’importo dell’assegno dovrebbe cambiare da aprile.

=> ISEE Corrente e rinnovo DSU per non perdere le agevolazioni

Se il problema è che la ricarica di marzo, dunque, potrebbe non incamerare ancora la variazione di reddito attestata con l’ISEE corrente. Se invece il reddito attestato dall’INPS si basa ancora sul 2019 è un problema diverso. Non escluderei che ci sia stata una sovrapposizione di scadenze fra il rinnovo della DSU (che andava effettuato entro il 31 gennaio)  e l’ISEE corrente (nel suo caso stato attestato da marzo).

In altri termini, è possibile che l’INPS, correttamente, abbia calcolato le mensilità di febbraio e marzo sulla base dell’ISEE ordinario (che si riferisce ai redditi 2019), e che da aprile invece recepisca le novità contenute nell’ISEE corrente, basato sulla situazione economica degli ultimi 12 mesi.