Progetti di ricerca, tutte le agevolazioni

Risposta di

Redazione PMI.it

scritto il

Gaspare chiede

Per i progetti di R&S abbiamo visto che è possibile fruire di agevolazioni su “beni strumentali alla ricerca”: quali sono? Vi rientrano anche le spese su personale e strumenti hardware e software? Con quali requisiti?

Redazione PMI.it risponde

Risposta a cura di Idea Services
(per approfondimenti: esperto.risponde@ideaservices.eu)

 

I beni strumentali sono tutte quelle attività, quelle persone, quegli strumenti che sono necessari al buon esito della ricerca.

È possibile spesare nel progetto tutto il personale che opera funzionalmente alla ricerca stessa nelle quote di tempo dedicate alla ricerca.

La legge di stabilità del 2019 afferma che tutte le voci sono al 25% tranne il personale interno (indistintamente se qualificato o meno) e i contratti con Università o enti di ricerca, per cui è invece prevista un’aliquota del 50%, rapportata però al complessivo dei costi sostenuti, ivi compresi quelli al 25%.

=> Ricerca nelle imprese: requisiti per il credito d'imposta

Relativamente al personale interno all’azienda debbono essere prodotti: timesheet; incarichi interni; eventuali sistemi di verifica di attività informatizzati ed ogni altra documentazione relativa al coinvolgimento del personale nel progetto.

Tutti gli strumenti hardware e software sono imputabili alla ricerca se utilizzati ed indispensabili alla stessa, questi vanno conteggiati in base alla percentuale di utilizzo (tra ricerca e normale attività), alle regole dell’ammortamento, per una quota pari al 20% (dal 2019) e, rispetto alla durata della ricerca, per la quota di ammortamento ad essa imputabile.

Per approfondimenti sul bonus ricerca e innovazione, è possibile scrivere a: info@ideaservices.eu