Prestito 25mila euro: se la banca esige il rating

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Stefano chiede

Sono il titolare di una piccola SaS. Sto valutando di accedere al finanziamento fino a 25.000 euro. La mia azienda è sana ma l’istituto di credito ci richiede il consenso alla valutazione del merito creditizio. Come stanno le cose?

Barbara Weisz risponde

La valutazione del merito creditizio non è necessaria per avere la garanzia del fondo, lo prevede esplicitamente la legge. Questo non significa che la banca sia obbligata a non richiedere il merito di credito, o qualsiasi altra valutazione ritenga utile: gli istituto di credito restano liberi di concedere, o di non concedere, i prestiti in base a loro decisioni interne.

La legge prevede che abbiano a disposizione questo strumento, ovvero la possibilità di concedere prestiti fino a 25mila euro coperti al 100% dal Fondo di Garanzia PMI. E questa garanzia viene concessa dal Fondo senza valutazione del merito di credito.

=> Liquidità imprese, come funzionano i prestiti garantiti

In pratica, quindi, la banca concede un prestito per la cui garanzia non serve questo passaggio. Questo però non impedisce alla banca di chiedere ulteriore documentazione al cliente.

Quel che non può invece fare, nel caso di finanziamenti regolamentati dall’articolo 13, comma 1, lettera m, del decreto liquidità imprese (dl 23/2020), è far pagare la garanzia (che per legge è gratuita) o applicare interessi superiori a quelli previsti dalla stessa norma (tasso massimo intorno al 2%).

Tenga presente che le banche operano in concorrenza fra loro, quindi se non la soddisfano le condizioni che vengono applicate da un singolo istituto, può provare a rivolgersi a un’altra banca.