Premi produttività in busta paga e 730

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Santo D.F. chiede

La mia azienda nella busta paga di luglio 2017 pagherà il premio di produttività maturato per il 2016. Quali saranno la tassazione e gli importi relativi?

Barbara Weisz risponde

Il premio di produttività prevede un’aliquota agevolata del 10% se resta all’interno di determinati importi, che per il 2016 sono pari a 2mila euro annui. L’agevolazione fiscale si applica solo se il reddito annuo del dipendente è inferiore a 50mila euro. Quindi, se il suo reddito è all’interno di questo tetto, lei potrebbe ricevere fino a 2mila euro con tassazione agevolata al 10%. Se la sua azienda coinvolge pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro, il premio di produttività agevolabile fiscalmente può arrivare a 2mila 500 euro.

=> Detassazione produttività: pubblico vs. privato

Attenzione: lei non è obbligato ad applicare la detassazione. Tenga presente che il premio di produttività tassato al 10% non concorre alla formazione dell’imponibile a cui applica la normale aliquota IRPEF. Questo potrebbe non essere conveniente, per esempio sul fronte delle detrazioni e deduzioni fiscali in dichiarazione dei redditi.

Quindi può scegliere di applicare al premio di produttività la tassazione ordinaria. Tutti i chiarimenti sono contenuti nella circolare dell’Agenzia delle Entrate 28/2016.

Colgo l’occasione per ricordare che la Legge di Stabilità 2017 ha alzato a 80mila euro il limite di reddito a cui è applicabile la tassazione agevolata di produttività e il tetto del premio a 3mila euro, che può arrivare a 4mila euro nelle aziende che coinvolgono pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro.