Pensioni precoci: importo e penalità

Risposta di Barbara Weisz

scritto il

Giulio chiede:

Ho iniziato a lavorare nel 1983 a 14 anni e dal sito INPS  la data presunta della mia pensione prevede un’uscita dal lavoro con quasi 45 anni di contributi a 59 anni di età, con una penalizzazione del 40% sullo stipendio. E’ normale?

In base a quanto scrive, al momento lei ha circa 35 anni di contributi. Troppo pochi per accedere a qualsiasi forma di pensione anticipata, ma comunque sufficienti per uscire prima rispetto alla simulazione INPS, ammesso che lei abbia gli altri requisiti del caso.

La prima opzione è la pensione anticipata precoci, riservata a coloro che hanno 41 anni di contributi, di cui almeno uno versato prima dei 19 anni. Però bisogna anche rientrare in una delle quattro tipologie di lavoratori aventi diritto: disoccupati, caregiver, lavoratori con disabilità almeno del 74%, addetti a una delle 15 mansioni gravose previste dalla legge 232/2016. Se lei rientra in una di queste categorie, può andare in pensione con 41 anni di contributi, a cui aggiungere gli scatti legati all’aumento delle aspettative di vita (dal 2019, 41 anni e cinque mesi di contributi).

Se non rientra fra i lavoratori con diritto alla pensione precoci, l’opzione più conveniente è quella della pensione anticipata. Nel 2018 il requisito per i dipendenti è pari a 42 anni e 10 mesi di contributi. Dal 2019, bisognerà aggiungere cinque mesi, arrivando quindi a 43 anni e due mesi. Poi, molto approssimativamente, dal 2021 scatteranno due mesi ogni biennio. Per intenderci, nel 2027, ci vorranno 43 anni e 11 mesi di contributi. Lei, a quel punto, avrà già 44 anni di contributi, quindi potrà andare in pensione anticipata.

Risposta di Barbara Weisz

Hai una domanda che vorresti fare ai nostri esperti?

Cerca tra quelle pubblicate oppure

Chiedi all'esperto