Obbligo di vaccino per guariti Covid: dopo quanti mesi?

Risposta di Barbara Weisz

scritto il

Luca chiede:

Sono un operatore sanitario obbligato ad avere la vaccinazione anti-SARS-CoV-2 per esercitare la professione. Sono guarito da Covid il 20 maggio e dovrei sottopormi alla vaccinazione entro 12 mesi dalla data di guarigione, almeno fino alla Circolare Ministeriale del 21/07/2021. Mi stanno comunicando senza nessun riferimento di legge che la dose deve essere inoculata entro 9 mesi dal primo tampone positivo. In quale circolare, dopo quella del 21/07/2021, è presente questo dato?

Lei appartiene a una categoria professionale che ha l’obbligo vaccinale, quindi le indicazioni che deve rispettare sono più stringenti rispetto a quelle generali. In pratica, non può lavorare se non ha un Green Pass 2G valido, che viene rilasciato in seguito a guarigione o vaccino. Ebbene, anche in caso di guarigione dal Covid, dal 1° febbraio la durata del Green Pass diventa pari a sei mesi dalla data del certificato post-guarigione.

Le FAQ del Governo specificano che i sei mesi, in Italia, si calcolano dalla data di inizio validità indicata sul certificato di guarigione. In base  a quello che scrive, il suo Green Pass da guarigione è scaduto nel novembre 2021. Se nel frattempo lei non ha iniziato un ciclo vaccinale, in questo momento non potrebbe esercitare la professione.

Nelle FAQ pubblicate sul sito del Ministero della Salute, si legge:

Chi si ammala dovrebbe aspettare 4-6 mesi dalla conferma di positività SARS-CoV-2 per vaccinarsi (prima-unica dose o dose booster). Se sono stati assunti anticorpi monoclonali o plasma convalescente, far passare almeno 90 giorni.

Nei soggetti con pregressa infezione da SARS-CoV-2, qualora la vaccinazione venga effettuata entro i 12 mesi dalla guarigione, è possibile somministrare una singola dose di vaccino, anche in caso di un vaccino con ciclo a due dosi. Ciò non rappresenta una indicazione a procrastinare la vaccinazione oltre i 6 mesi dalla avvenuta infezione da SARS-CoV-2. L’eventuale somministrazione di una seconda dose entro i 12 mesi dalla guarigione non è comunque controindicata.

Superato l’intervallo di 12 mesi dalla guarigione, si procederà con un ciclo vaccinale completo.

Anche la circolare del Ministero della Salute del 6 dicembre 2021 stabilisce che per i guariti dal Covid «è indicato procedere il prima possibile con un ciclo primario completo». Direi che è un consiglio che vale nel suo caso, se non ha ancora iniziato o completato un ciclo vaccinale. Considerato il tempo trascorso, è una indicazione valida on ogni caso, tanto più che dal primo febbraio lei si ritroverà senza Green Pass.

Le ricordo infine che, se ha più di 50 anni, comunque ha l’obbligo vaccinale dallo scorso 8 gennaio, previsto dal decreto 1/2022.

Risposta di Barbara Weisz

Hai una domanda che vorresti fare ai nostri esperti?

Cerca tra quelle pubblicate oppure

Chiedi all'esperto