Moratoria mutui casa: requisiti per lavoratori sospesi

Risposta di Barbara Weisz

scritto il

Jessica chiede:

Nel decreto Covid si dà la possibilità ai lavoratori che “hanno subito la sospensione dal lavoro o la riduzione dall’orario lavorativo per almeno 30 giorni (consecutivi)” di  chiedere una moratoria sul mutuo prima casa. Rientrano nel compito anche i giorni di ferie obbligatorie imposte dal datore di lavoro prima dell’apertura della cig?

La fattispecie indicata non è esplicitamente prevista dalla normativa, quindi mi pare una strada difficilmente percorribile. La moratoria sulle rate del mutuo prima casa estesa ai dipendenti con riduzione o sospensione di orario pari ad almeno 30 giorni è  contenuta nell’articolo 54 del decreto Cura Italia, prevede due sole casistiche:

  • sospensione dal lavoro per almeno 30 giorni consecutivi,
  • riduzione di orario pari almeno al 20% per almeno 30 giorni.

Fra l’altro, il periodo di sospensione del mutuo, che può andare da 6 a 18 mesi, è a sua volta legato alla durata della riduzione di orario di lavoro. Questo per dire che il criterio mi sembra abbastanza preciso e stringente.

=> Mutuo casa sospeso: requisiti di accesso al Fondo e domanda

Le ferie, invece, non costituiscono una sospensione o riduzione di orario con relativa  decurtazione economica, né mi pare che contrattualmente possano essere assimilate a questi concetti. D’altro canto le ferie sono retribuite e dunque, seppur forzate, non comportano una situazione di difficoltà economica tale da mettere il dipendente nella condizione di non non poter pagare il mutuo.

Hai una domanda che vorresti fare ai nostri esperti?

Chiedi all'esperto

Risposta di Barbara Weisz