Legge 104: requisiti per i permessi di lavoro

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Antonio chiede

Usufruisco della Legge 104 per accudire mio suocero. Il mio datore di lavoro non vuole concedermi i tre giorni di permesso perché ritiene che si debba risiedere nella stessa abitazione della persona con handicap (io invece abito a 500 metri): come devo comportarmi?

Barbara Weisz risponde

La legge 104 non prevede la convivenza come requisito per chiedere i tre giorni di assistenza al parente che necessita di cure.

Il riferimento normativo è l’articolo 33 della legge 104/1992, in base al quale i tre giorni di permesso retribuito spettano a

coniuge, parente o affine entro il secondo grado, ovvero entro il terzo grado qualora i genitori o il coniuge della persona con handicap in situazione di gravita’ abbiano compiuto i sessantacinque anni di eta’ oppure siano anche essi affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti.

Non c’è nessun riferimento alla necessità di convivenza. Le dirò di più: non è nemmeno necessario che il parente viva nello stesso comune.

Nel caso in cui viva in un comune diverso, se la distanza dall’abitazione del caregiver è superiore a 150 km, il comma 3-bis del medesimo articolo  prevede che il lavoratore debba attestare

con titolo di viaggio, o altra documentazione idonea, il raggiungimento del luogo di residenza dell’assistito.

Forse il suo datore di lavoro si confonde con le normative che riguardano i caregiver ma per il diritto all’APe Social: in questo caso, in effetti, sono necessari requisiti ulteriori, come per esempio la residenza nello stessa abitazione.

Ma non è il suo caso: per i tre giorni di permesso mensili questo requisito non è previsto.