ISEE, quale reddito e patrimonio rileva

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Matteo chiede

Volevo sapere se per l’ISEE 2020 si fa riferimento all’anno d’imposta 2019.

Barbara Weisz risponde

Per il calcolo ISEE il riferimento reddituale è in genere l’ultima dichiarazione dei redditi presentata, che in realtà di riferisce a due periodi di imposta precedenti. Quindi, per l’ISEE 2020, il riferimento sarà la dichiarazione dei redditi 2019, riferita al periodo d’imposta 2018.

Tenga presente che comunque la parte relativa ai redditi è precompilata dall’Agenzia delle Entrate, che conosce la situazione reddituale dei contribuenti proprio grazie alle dichiarazione. Per lo stesso motivo, dal 2020 parte della DSU sarà precompilata, almeno in teoria. Si tratta di una novità in stand by da oltre un anno, perchè di complessa attuazione.

=> Speciale ISEE su PMI.it

Per quanto riguarda la parte patrimoniale, sarà lei a compilare i relativi campi presenti nella DSU, il modello di dichiarazione sostitutiva unica in base al quale l’INPS rilascia l’ISEE. In questo caso deve fare riferimento ai beni posseduti al 31 dicembre del secondo anno precedente. Quindi, ad esempio, se compila la DSU 2020 dovrà segnalare i beni immobili o gli investimenti mobiliari fino al 31 dicembre 2018.

Sul sito dell’INPS sono presenti tutte le informazioni per presentare la DSU, ed è anche possibile calcolare il proprio indicatore utilizzando l’apposito simulatore online. Sono presenti tutti i modelli aggiornati, e c’è anche una sezione dedicata alle risposte alle domande più frequenti (FAQ).

Detto questo, dallo scorso anno è stata introdotta la possibilità di fare riferimento ai redditi dell’anno precedente qualora rispecchino meglio la situazione corrente e quindi risulti più vantaggioso per il contribuente.

=> ISEE corrente: validità e nuove regole

La possibilità è stata pensata per chi aderisce al Reddito di Cittadinanza, ma è applicabile in tutti i casi.