Contributi da libero professionista per la pensione dipendente?

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Bernardo chiede

Sono in isopensione (art. 4 Fornero) da 3 anni e sto iniziando il 4° con assegno di esodo superiore a 30.000 Euro; sono impegnato come Formatore della Sicurezza sul Lavoro, dove nel 2021 sto superando la quota forfettaria con ritenuta di acconto e sto aprendo la partita Iva ordinaria. Dovrei andare in pensione 1° luglio 2022 avendo 43,6 di contribuzione ed essendo nato ottobre 1959. Come influiranno i contributi da libero professionista che andrò a versare da agosto 2021: li potrò utilizzare?

Barbara Weisz risponde

Per valorizzare i versamenti in differenti gestioni previdenziali ci sono diversi istituti che si possono utilizzare: il cumulo, la totalizzazione o la ricongiunzione dei contributi previdenziali, purché si effettui l’operazione prima di andare in pensione, nel senso che non si può scegliere il cumulo o la totalizzazione di contributi sui quali sta già percependo una pensione.

  • La ricongiunzione è un istituto oneroso, che comporta il pagamento da parte del lavoratore di una quota (onere) che consente di spostare i contributi versati in diverse gestioni presso un unico istituto previdenziale, che poi calcolerà la pensione con le proprie regole.
  • Il cumulo e la totalizzazione invece sono gratuiti, quindi non comportano un esborso da parte del lavoratore ma la pensione viene poi calcolata pro quota dai diversi enti previdenziali coinvolti nell’operazione.

Chi ha già una pensione e continua a versare contributi può utilizzare altri strumenti che consentono di incrementare l’assegno, come il supplemento di pensione.  Ma lei non è ancora in pensione: l’isopensione è uno strumento che prevede il pagamento di una trattamento che accompagna alla pensione, quindi mi pare che possa ancora utilizzare gli strumenti sopra descritti. Deve fare bene i calcoli per capire quale si adatti maggiormente la suo caso.