Contratto di espansione: come si accede alla pensione anticipata?

Risposta di Barbara Weisz

scritto il

Zibo chiede:

Sono dipendente di una holding farmaceutica. Ho letto che esistono forme di prepensionamento associate al contratto di espansione: come funziona questo contratto e come fare domanda per l’uscita anticipata con questo strumento?

Il contratto di espansione viene firmato da azienda e sindacati a fronte di un piano di reindustrializzazione o riorganizzazione finalizzato allo sviluppo tecnologico e all’aggiornamento delle competenze, e consente di attivare strumenti come la cassa integrazione o anche il prepensionamento. Per  chiedere l’uscita anticipata, pertanto, deve esserci un contratto di espansione già siglato fra azienda e sindacati. Quindi:

  • se nella sua azienda non è stato attivato un contratto di espansione non può utilizzare questo strumento di prepensionamento;
  • se invece vi è un contratto di espansione in essere (la Manovra 2022 li ha prorogati fino al 2023), è possibile aspirare alla pensione ma soltanto se al lavoratore mancano meno di 60 mesi (cinque anni) dal raggiungimento di un requisito pensionistico pieno (di vecchiaia o anticipato).

In questo secondo, per procedere con l’uscita anticipata è necessario un accordo scritto, che sostanzialmente è una risoluzione consensuale del rapporto di lavoro. Il datore paga un’indennità mensile pari alla pensione che il dipendente ha maturato fino a quel momento, eventualmente comprensiva dei contributi necessari a raggiungere il diritto alla pensione anticipata.

Di fatto, l’indennità viene pagata dall’INPS ma è finanziata dall’impresa. Sono previste procedure specifiche (es.: l’impresa deve firmare una fideiussione) che pertanto rendono questo strumento soltanto qualora l’azienda abbia intrapreso questa strada e nel caso, nell’ambito del piano di riorganizzazione, abbiamo previsto anche forme di prepensionamento per i dipendenti con i requisiti necessari.

Non si tratta quindi di una strada percorribile in autonomia da parte del lavoratore, né l’azienda è obbligata a concedere tale agevolazione. Trova indicazioni operative utili nella circolare INPS 28/2022.

Risposta di Barbara Weisz

Hai una domanda che vorresti fare ai nostri esperti?

Cerca tra quelle pubblicate oppure

Chiedi all'esperto