Coniugi a carico esclusi dal Bonus 200 euro?

Risposta di Barbara Weisz

scritto il

Carlo chiede:

Il coniuge a carico senza pensione sociale per mancanza del requisito di reddito, resta anche escluso dal bonus 200 euro perché non rientra in nessuna delle categorie ammesse. Non è un controsenso della legge penalizzare proprio chi non ha alcun reddito autonomo?

Le fornisco la mia interpretazione. Il bonus da 200 euro è pensato sostanzialmente per non far perdere potere d’acquisto a stipendi, pensioni, ammortizzatori sociali e altri redditi. Non è quindi un ammortizzatore sociale tradizionale, che copre chi non ha reddito (come per esempio il reddito di cittadinanza) o per chi si trova in situazione di reddito ridotto in costanza di lavoro (come durante la cassa integrazione).

Non a caso, l’indennità è stata definita dal Governo una somma una tantum anti-inflazione, per compensare i rincari energetici e del costo della vita che riduce il valore sul mercato dei propri redditi o degli ammortizzatori di cui già si fruisce. Dunque, non è un’indennità o un sussidio ma un semplice bonus occasionale previsto per aiutare le famiglie a sostenere, con il reddito che già hanno (quale che sia) il caro prezzi, e in particolare i rialzi del costo dell’energia alimentati dall’impatto economico della guerra in Ucraina.

Alla luce di questa interpretazione, si motiva in maniera più circostanziata l’esclusione dalla platea dei beneficiari del  nel coniuge a carico senza reddito proprio, al cui sostentamento provvede nei termini di legge un altro membro della famiglia a cui, comunque, spetta il bonus da 200 euro. Per lo stesso ragionamento, non ricevono il bonus neppure altre categorie di contribuenti che non hanno alcun reddito proprio (come i disoccupati senza sussidio), dal momento che la somma una tantum sarebbe finalizzata a potenziare il potere d’acquisto della loro fonte di reddito, che in questo caso è assente.

Per queste situazioni di difficoltà economica, ovviamente, si rimanda all’ecosistema di trattamenti assistenziali e previdenziali erogati dallo Stato, alle agevolazioni fiscali per carichi di famiglia, agli ammortizzatori sociali in senso ampio.

Hai una domanda che vorresti fare ai nostri esperti?

Chiedi all'esperto

Risposta di Barbara Weisz