Condominio minimo o unità indipendenti?

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Pierluigi chiede

Una villetta con due appartamenti con accesso indipendente e cortile comune, per fruire del Superbonus e del Sismabonus progettando in modo unitario l’intervento su tutta lo stabile, si deve considerare l’edificio come un condominio minimo oppure come la somma di due unità indipendenti?

Barbara Weisz risponde

I massimali applicabili ai lavori cambiano a seconda della tipologia di edificio. Per interventi di efficienza energetica ammessi al Superbonus (isolamento termico e climatizzazione) il vostro immobile ricade nella definizione di edificio plurifamiliare funzionalmente indipendente (almeno tre impianti indipendenti, fra i seguenti: idrico, gas, elettricità, riscaldamento) con uno o più accessi autonomi dall’esterno (che consenta l’accesso da strada o cortile anche di proprietà non esclusiva).

Il massimale per interventi di isolamento termico è di 50mila euro per ogni unità immobiliare, per la climatizzazione è pari a 30mila euro per ogni unità immobiliare. Per il Sismabonus il tetto è di 96mila euro per unità immobiliare.

Il condominio minimo, per i lavori di isolamento termico, ha un massimale di spesa di 40mila ero per ogni unità immobiliare.