Cessione o sconto ecobonus per evitare l’incapienza

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Maurizio chiede

Abito in un condominio: ai fini dell’ecobonus 110%, il beneficiario può essere il condominio invece dei singoli condomini, così da trasformare la detrazione in credito di imposta da cedere o in sconto fattura, senza ripartirla tra i singoli condomini ed evitare così l’incapienza di alcuni di essi, che in alternativa ne perderebbero i benefici?

Barbara Weisz risponde

La strada da seguire per fruire dell’ecobonus anche se è incapiente ai fini IRPEF può essere quella dello sconto in fattura, che è previsto esplicitamente dalla norma assieme alla cessione del credito a soggetti terzi (compresi i privati, ad esempio un familiare, e ovviamente le banche).

L’articolo 121 del decreto Rilancio (dl 34/2020) concede a tutti i soggetti con diritto alle detrazioni al 110% la possibilità di trasformare la detrazione in uno sconto in fattura applicato dal fornitore che ha effettuato gli interventi, il quale recupererà poi la somma sotto forma di credito d’imposta oppure opterà a sua volta per la cessione ad altri soggetti, comprese le banche.

La detrazione spetta ai singoli condomini in relazione alle quote di possesso degli immobili, ma, applicando lo sconto in fattura, può procedere direttamente il condominio, che potrà optare per  una delle due possibilità.

Di seguito i dettagli sulla procedura da seguire in entrambi i casi:

=> Sconto in fattura con Ecobonus 2020: come funziona

=> Cessione credito con Ecobonus 2020: come funziona