Cessione diritti d’autore senza obbligo di Gestione Separata INPS

Risposta di Barbara Weisz

scritto il

Lorenzo chiede:

Leggendo il vostro articolo “Cessione diritti d’autore: contratto e fiscalità” ho appreso che, trattandosi di opera d’ingegno, non ho obbligo di aprire una posizione in Gestione Separata Inps anche se l’importo supera i 5000 Euro annui, ma sono solo obbligato a riportare l’importo nella dichiarazione dei redditi e pagarci le tasse. Chiedo ulteriore conferma del mancato obbligo e di questa procedura.

Le confermo che la cessione diritti d’autore è una formula che non comporta l’obbligo di versare i contributi alla gestione separata INPS.

Fanno eccezione i lavoratori iscritti  al fondo dei lavoratori dello Spettacolo o Casse professionali (ad esempio, l’INPGI 2 per i giornalisti), che invece versano i contributi all’istituto di appartenenza.

=> Diritto d'autore, regole e compensi

Il riferimento di prassi è il messaggio 19435/2013 dell’INPS, in base al quale:

il compenso percepito per lo sfruttamento economico del diritto di autore da parte lavoratore autonomo non iscritto al Fpls né ad una Cassa Professionale è escluso da qualsiasi obbligo contributivo, anche nei confronti della Gestione separata ex art. 2, comma 26, L. n. 335/1995.

=> Prestazione occasionale: tasse e ritenute

Le somme percepite vanno invece inserite in dichiarazione dei redditi per pagare le relative tasse, senza ulteriori obblighi di natura contributiva.

Hai una domanda che vorresti fare ai nostri esperti?

Chiedi all'esperto

Risposta di Barbara Weisz