Contratti di affitto e spese di condominio

Risposta di Valerio Ottaviani

scritto il

Franco chiede:

Intendo affittare un appartamento a canone concordato (3 + 2) con cedolare secca. Vorrei che l’inquilino pagasse mensilmente con unico bonifico sia il canone sia la quota di spese condominiali. Io pagherei all’amministratore l’importo di pertinenza mia e dell’inquilino. Per farlo basta indicare nel contratto questa soluzione d’intesa con l’inquilino, inserendo la clausola del “salvo conguaglio” a fine anno (o gestione condominiale)?

L’art. 26 del TUIR indica tra i redditi fondiari, il “canone pattuito per i contratti di locazione”.

Le eventuali spese condominiali non dovranno dunque essere inserite nella dichiarazione dei redditi del locatore, o meglio: l’importo da indicare nella dichiarazione dei redditi dovrà essere al netto delle spese di condominio.

=> Affitti canone concordato, regole più soft

L’ammontare indicato non deve comprendere le spese di condominio, luce, acqua, gas, portiere, ascensore, riscaldamento e simili eventualmente incluse nel canone.

=> Locazioni a canone concordato: contratto e tassazione

Il comportamento indicato dal lettore nel quesito è ottimale al fine di evitare eventuali incomprensioni con l’Ufficio delle Entrate.

Risposta di Valerio Ottaviani

Hai una domanda che vorresti fare ai nostri esperti?

Cerca tra quelle pubblicate oppure

Chiedi all'esperto