Bonus Mobili, rileva la SCIA

Risposta di Alessandra Gualtieri

scritto il

Mario chiede:

Ho ristrutturato un immobile di mia proprietà con SCIA e fattura dell’impresa che ha effettuato i lavori. Ho acquistato i mobili prima del rilascio della SCIA, per usufruire di alcuni sconti. Posso comunque godere della relativa agevolazione fiscale?

Strettamente collegato al riconoscimento delle detrazioni per i lavori di ristrutturazione edilizia, troviamo la possibilità di aver un’ulteriore detrazione legata alle spese sostenute per acquisto di mobili, il cosiddetto “bonus mobili e grandi elettrodomestici” istituito per la prima volta con il decreto legge 63/2013 e poi sempre rinnovato.

Tale agevolazione, prevede il recupero del 50% delle spese sostenute, appunto per l’acquisto di tali beni, per un totale massimo di € 10.000,00 da ripartire in eguali rate decennali.

Per entrare nel merito del quesito, come bene accennato dal lettore, in presenza di rilascio di autorizzazioni ufficiali la normativa prevede che: per il riconoscimento del bonus mobili (o bonus arredi), la data di acquisto di tale mobilio debba essere successiva alla data di inizio lavori; non è invece indispensabile che la data delle fatture/pagamento degli interventi di ristrutturazione edilizia sia anteriore all’acquisto dei beni stessi (si veda la Circolare n. 29/E del 19/09/2013).

=> Tutte le attività soggette a SCIA

In poche parole, se la data della SCIA, rilasciatale per la ristrutturazione edilizia, è successiva alla data riportata sulle fatture di acquisto dei mobili non potrà portare in detrazione tali spesi.

Hai una domanda che vorresti fare ai nostri esperti?

Chiedi all'esperto

Risposta di Alessandra Gualtieri