Bonus Mobili, occhio alla SCIA

Risposta di

Greta Rosatelli

scritto il

Mario S. chiede

Ho ristrutturato un immobile di mia proprietà con SCIA e fattura dell’impresa che ha effettuato i lavori. Ho acquistato i mobili prima del rilascio della SCIA, per usufruire di alcuni sconti. Posso comunque godere della relativa agevolazione fiscale?

Greta Rosatelli risponde

Strettamente collegato al riconoscimento delle detrazioni per i lavori di ristrutturazione edilizia, troviamo la possibilità di aver un’ulteriore detrazione legata alle spese sostenute per acquisto di mobili, il cosiddetto “bonus mobili e grandi elettrodomestici” istituito con il decreto legge 63/2013 e rinnovato anche per il 2018. Tale agevolazione, prevede il recupero del 50% delle spese sostenute, appunto per l’acquisto di tali beni, per un totale massimo di € 10.000,00 da ripartire in eguali rate decennali.

=> Confronta: Bonus Mobili negato

Per entrare nel merito del quesito, come bene accennato dal lettore, in presenza di rilascio di autorizzazioni ufficiali la normativa prevede che: per il riconoscimento delle detrazioni, la data di acquisto di tale mobilio debba essere successiva alla data di inizio lavori; non è invece indispensabile che la data delle fatture/pagamento degli interventi di ristrutturazione edilizia sia anteriore all’acquisto dei beni stessi (si veda la Circolare n. 29/E del 19/09/2013).

=> Tutte le attività soggette a SCIA

In poche parole, se la data della SCIA, rilasciatale per la ristrutturazione edilizia, è successiva alla data riportata sulle fatture di acquisto dei mobili non potrà portare in detrazione tali spesi.

Greta Rosatelli, Esperto Fiscalista