Bonus centri estivi dopo la cig

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Tania chiede

Ho fatto domanda INPS per il bonus centri estivi dal 15 giugno al 31 luglio. Io ero in cassa integrazione fino al 12 giugno e ad oggi mi hanno rifiutato il bonus perché ho usufruito di agevolazioni Covid. Ma per il periodo richiesto io invece lavoro. Come fare?

Barbara Weisz risponde

Il bonus centri estivi e quello baby sitter non spettano in presenza di altri strumenti di sostegno al reddito, come la cassa integrazione, o in generale se nel nucleo familiare è presente un genitore che non lavora. Ma è in effetti applicabile per periodi non coperti da tali strumenti.

Non solo: il bonus spetta anche a chi è in cig a orario ridotto (ossia continua a lavorare anche se con alcune ore di cig).

E’ sicura che il suo datore di lavoro non abbia nel frattempo presentato una domanda di cassa integrazione a zero ore (per l’intero orario di lavoro) per il periodo da lei richiesto? Se non è questo il suo caso e se non ci sono altri vincoli ostativi direi che allora può ripresentare la domanda, utilizzando la relativa guida.

E soprattutto, si assicuri si  di utilizzare la procedura del nuovo bonus e non di quello vecchio (si tratta di due “domande” differenti). Possono esserle utili i seguenti documenti di prassi: messaggio INPS 2350/2020, e circolare 44/2020.

Tenga presente che il nuovo bonus introdotto dal decreto Rilancio (articolo 72 dl 34/2020), che ha rinnovato con modifiche quello del Cura Italia, prevede che il beneficio spetti per intero (1200 euro in tutto) in relazione a un periodo che va dal 5 marzo al 31 luglio.