Assunzioni a tempo indeterminato: quali agevolazioni?

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Roberto chiede

Se trasformo un contratto part-time a tempo determinato (3a proroga) di un giovane con meno di 35 anni in un contratto (sempre part-time) a tempo indeterminato ho diritto a sgravi fiscali contributivi in base alle leggi in vigore? Il soggetto, prima dei nostri contratti, ha sempre lavorato a tempo indeterminato.

Barbara Weisz risponde

Le assunzioni agevolate per i giovani fino a 35 anni previste per il 2018 dalla Legge 205/2017 (la Legge di Bilancio dello scorso anno) riguardano anche la trasformazione dei contratti a tempo determinato in tempo indeterminato. E non credo ci siano paletti relativi al part-time, che è una tipologia di contratto ricompresa nell’agevolazione.

Il problema, nel caso da lei esposto, è che il beneficio non si può applicare a lavoratori che abbiano già avuto con il medesimo o con altro datore di lavoro un contratto di assunzione a tempo indeterminato. Lo prevede il comma 101 della legge 205/2017. In pratica, il diritto alle agevolazioni scatta esclusivamente per giovani alla prima assunzione (che quindi non hanno mai avuto un contratto a tempo indeterminato).

Stesso discorso per l’incentivo contributivo per le nuove assunzioni previsto dal Decreto Dignità (che comunque per il momento non si può applicare, riguarda le assunzioni 2019 e 2020): non è applicabile se ci sono stati precedenti contratti a tempo indeterminato applicati al lavoratore, dal medesimo o da altri datori di lavoro.