Apprendistato durante cassa integrazione COVID-19

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Annalisa chiede

Come bisogna comportasi se un contratto di apprendistato professionalizzante scade durante il periodo di cassa integrazione ordinaria richiesta per COVID-19? E’ vero che alla ripresa del lavoro si può prorogare il contratto per il periodo in cui non si è svolta attività lavorativa? Si può alla scadenza del contratto non rinnovarlo dando il preavviso ma con la cassa integrazione ancora aperta?

Barbara Weisz risponde

Il decreto Cura Italia ha introdotto la proroga dei contratti a termine, permettendo ai lavoratori a tempo determinato di percepire l’ammortizzatore sociale senza perdere il lavoro durante il lockdown o durante i mesi di interruzione o riduzione di attività.

Tale norma primaria  (articolo 19 bis dl 18/2020) si riferisce al «rinnovo o alla proroga dei contratti a tempo determinato, anche a scopo di somministrazione», senza contenere un riferimento diretto anche al contratto di apprendistato. Per ovviare a questa limitazione, la legge di conversione del Decreto Rilancio ha introdotto il co.1-bis, il quale prevede una proroga specifica anche per i contratti a termine e di apprendistato, per una durata pari al periodo di sospensione dell’attività in conseguenza dell’emergenza Covid-19.

=> Apprendistato: agevolazioni per assunzione disoccupati

Fra l’altro, il Legislatore ha ulteriormente potenziato questo strumento togliendo la necessità di causale per le proroghe di contratti fino alla fine del 2020. In definitiva, le norme certamente consentono l’operazione da lei ipotizzata.

Per rispondere all’ultima domanda, credo sia consentito anche fare arrivare il contratto a scadenza senza rinnovo. Era stata inserita nel Decreto Rilancio una norma che prolungava automaticamente il termine dei contratti ma è stata poi abrogata dal Decreto Agosto.

=> Decreto Agosto approvato, le principali misure

Quindi, il contratto può arrivare a scadenza anche con la cassa integrazione in corso. Attenzione, però: se quello che scade non è il contratto ma il periodo di formazione, il discorso è completamente diverso: in questo caso, il lavoratore resta in cig e poi torna al lavoro, recuperando successivamente le ore di formazione.