APE Volontaria: tassi e costi

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Giovanni chiede

Abbiamo capito che l’APE Volontaria è un vero e proprio finanziamento bancario. A questo punto vi chiedo: il tasso e l’eventuale spesa dell’assicurazione può variare da banca a banca o ci sono aliquote fisse stabilite dal decreto legge?

Barbara Weisz risponde

Le confermo che i tassi e i costi assicurativi sono fissi. Lo prevede il decreto attuativo sull’APE volontaria, in base al quale sia il costo del finanziamento sia quello della polizza assicurativa sono stabiliti dalla convenzione del ministero con l’ABI, l’associazione banche italiane, e l’ANIA, che rappresenta le compagnie di assicurazione. Il riferimento preciso è l’articolo 11 del dlgs 150/2017.

Quindi, per rispondere alla sua prima domanda, i costi del prestito non dovrebbero variare da banca a banca ma sono stabiliti per legge. La convenzione fra ministero, banche e assicurazioni è stata firmata ma non se ne conosce con precisione il testo, perché non è stato pubblicato.

L’ABI ha comunque comunicato i tassi che verranno applicati nel primo bimestre di applicazione dell’APE volontaria, quindi fino al 13 aprile:

  • 2,838% in fase di erogazione,
  • 2,938% sul periodo di ammortamento.

Secondo i calcoli del team economico della Presidenza del consiglio, comunque, il TAEG (costo totale del prestito), sarà pari a 3,43% per 12 mesi, 3,38% per 24 mesi, 3,33% per 36 mesi.

Può utilizzare anche il simulatore INPS online, che le fornisce il dettaglio dei costi in base ai parametri che lei inserisce (quindi sul suo caso specifico). Tenga presente che sui costi del prestito (interessi e polizza) c’è un credito d’imposta al 50%.