APe Social non oltre 1500 euro

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Morena S. chiede

Il mio compagno è un manager, licenziato per riorganizzazione e disoccupato da un anno. Nato nel ’56, ha maturato 35 anni di contributi. Da settembre percepisce la NASpl e fra due anni avrebbe diritto all’APE Social. Avendo una base pensionistica superiore a 1.500 euro lordi può accedere ugualmente unendo l’APE Volontaria?

Barbara Weisz risponde
In base all’attuale legge l’APe Social è attiva fino al 31 dicembre 2018: chi matura i requisiti in data successiva resta escluso a meno che nel tempo lo strumento non venga prorogato o reso strutturale. Detto questo, la sua domanda mi offre l’opportunità di chiarire la questione relativa al tetto dei 1500 euro.
La norma non prevede un limite al reddito pensionistico per coloro che hanno diritto all’APe Social, ma solo all’importo dell’indennità. Quindi, una pensione maturata più alta di questa soglia è irrilevante ai fini del diritto: semplicemente, si riceverebbe un APe di 1500 euro.

=>APe Social con pensione oltre 1500 euro

Né si può integrare la “quota mancante”: era stato ipotizzato un meccanismo, poi non applicato, che consentiva di ricevere un importo più alto restituendo la differenza con rate ventennali, analogamente a quanto previsto per l’APe Volontaria. Ma alla fine, nel decreto attuativo non è stato inserito. Quindi, chi ha maturato una pensione più alta prenderà comunque 1500 euro lordi al mese. Poi, quando raggiungerà il diritto a pensione, prenderà l’assegno pieno in base ai contributi versati.
Integrare l’assegno facendo domanda di APe Volontaria è al momento un discorso puramente teorico non potendo contare su decreti attuativi che esplicitino meglio le modalità di accesso ed eventuali restrizioni.