Anticipo TFR prima del fallimento

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

C.S. chiede

Poichè l’azienda per cui lavoro versa in cattive condizioni, vorrei sapere se posso prelevare il TFR anticipatamente, prima che venga dichiarato fallimento.
Sono nato il 21/08/1964, assunto nel 1991: finora sono stati versati regolarmente tutti i contributi. Attualmente sono inquadrato come impiegato tecnico 2° liv.

Barbara Weisz risponde

La liquidazione anticipata del TFR può essere richiesto dal lavoratore che abbia almeno otto anni di anzianità aziendale ma a determinate condizioni (il riferimento normativo è l’articolo 2120 del codice di procedura civile).

  • Il datore di lavoro può rifiutarsi di erogare l’anticipo e ci sono dei paletti: il 10% degli aventi titolo, il 4% del numero totale dei dipendenti.
  • La richiesta deve inoltre essere motivata da eventuali spese sanitarie per terapie e interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche, oppure dall’acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli, documentato con atto notarile o da spese durante i congedi per maternità o per formazione.

Pur ottenendo la liquidazione, la liquidazione è fino al 70% del TFR maturato.

Potrebbe anche verificare la possibilità di utilizzare l’anticipo TFR introdotta con la Legge di Stabilità 2015 e ancora valida. Si tratta di un’ipotesi da verificare ma, nel caso, consente di incassare la quota maturanda di liquidazione spettante fino al 30 giugno del 2018.Può leggere qui come funziona.

=> TFR in busta paga al via: pro e contro

Barbara Weisz – Redazione PMI.it