Ammortizzatori Sociali per Partite IVA

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Stefano chiede

Sono agente di commercio a Partita IVA, iscritto all’Enasarco. Al momento,  il mio reddito ed anche il fatturato sono inferiori ai minimi stabiliti. C’è qualche ammortizzatore sociale al quale possa ricorrere?

Barbara Weisz risponde

Per prima cosa, c’è un provvedimento di proroga fiscale che riguarda casi come il suo. In base a quel che scrive, lei dovrebbe essere compreso nel rinvio al 30 aprile 2021 per il pagamento della seconda o unica rata degli acconti IRPEF, IRES e IRAP stabilita dal decreto Agosto. La norma è contenuta nell’articolo 98 del decreto (dl 104/2020) e riguarda le Partite IVA che applicano gli ISA e non raggiungono i minimi previsti per il proprio indice di affidabilità fiscale. Mi pare il suo caso.

Per quanto riguarda eventuali ammortizzatori, lei non è compreso nei contributi Covid previste dai decreti Ristori. Aveva probabilmente diritto alle indennità da 600 euro per Autonomi del DL Rilancio, per la quale però sono scaduti i termini.

Nel caso in cui risieda in uno dei Comuni della prima zona rossa (Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione D’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini, Vò) potrebbe invece avere diritto all’indennità aggiuntiva di 500 euro mensili per un massimo di tre mesi, che era stata introdotta dal Cura Italia (articolo 44 – bis dl 18/2020), per la quale sono ancora aperti i termini di domanda. Controlli la norma primaria per capire se rientrare nella platea (agenti di commercio iscritti all’Inps o in gestione separata, non mi pare ci sia un’esclusione per iscrizione anche Enasarco).

Un’altra possibilità potrebbe essere rappresentata dal REm, il reddito di emergenza riservato alle famiglia in difficoltà. Ci sono una serie di requisiti da rispettare, fra cui un ISEE non superiore a 15mila euro e un reddito familiare inferiore all’ammontare del beneficio (che varia da 400 a 840 euro, a seconda della composizione del nucleo familiare). Controlli i requisiti: il riferimento è l’articolo 14, comma 2, del decreto legge 137/2020. Trova indicazioni anche sul portale dell’INPS.