Superbonus lavori trainati e trainanti: tetto massimo per unità

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Domenico chiede

In una bifamiliare, spendendo il massimo come lavori trainanti, si ha comunque diritto agli ulteriori 60.000 euro per unità immobiliare in lavori trainati (ad esempio cambio infissi)? E agli ulteriori 30.000 euro  per sostituzione impianto radiante interno per unità immobiliare (sempre come  lavori trainati)? Nella circolare dell’Agenzia delle Entrate sembrerebbe di sì ma non è chiarissimo.

Barbara Weisz risponde

Le confermo che i tetti di spesa valgono per i singoli lavori, e si possono quindi sommare fra loro. Fra l’altro, non si riferiscono alla totalità dei lavori trainanti e trainati, ma agli specifici interventi che vengono effettuati.

Mi spiego meglio: i lavori trainanti possono essere di isolamento termico delle superfici opache, oppure di sostituzione degli impianti di climatizzazione, o ancora per i lavori antisismici. Per ognuna di queste tipologie, c’è uno specifico tetto di spesa. Quindi, se lei, per ipotesi, esegue sia un intervento di isolamento termico (agevolato in base alla lettera a del comma 1 dell’articolo 119 dl 34/2020), sia la sostituzione di un impianto di climatizzazione agevolata dalla lettera b della stessa norma, somma i due diversi tetti di spesa.

Stesso discorso, per gli interventi trainati. Non solo può sommare i relativi tetti di spesa a quelli degli interventi trainanti, ma può anche applicare lo stesso principio ai diversi interventi che intende effettuare. Nel suo caso, quindi, può sommare i 60mila euro per il cambio infissi e i 30mila per l’impianto radiante interno.

Il riferimento di prassi, come lei giustamente indica, è la circolare 24/2020 dell’Agenzia delle Entrate.